Menu

Chiesto l’ergastolo per De Santis. Uccise Ciro Esposito

La Procura di Roma ha chiesto l’ergastolo per Daniele De Santis, l’ultrà giallorosso accusato dell’omicidio di Ciro Esposito, ferito gravemente il 3 maggio 2014 poco prima della finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli e morto dopo un’agonia di 53 giorni.

Il pm Eugenio Albamonte e Antonino Di Maio hanno, inoltre, sollecitato una condanna a tre anni per gli altri due imputati, Gennaro Fioretti e Alfonso Esposito, tifosi del Napoli e accusati di rissa aggravata.

E’ chiaro che l’accusa ha trovato sufficienti prove per formulare l’accusa di omicidio volontario, nonostante una relazione quanto meno “ambigua” presentata a suo tempo dal Racis, la sezione scientifica dei Carabinieri (http://contropiano.org/news/malapolizia-news/2014/09/11/ciro-esposito-la-scientifica-vuol-salvare-de-santis-026243), a riprova di “simpatie” e/o rapporti di antica data. Un contrasto secco che era diventato evidente già due anni fa (http://contropiano.org/news/malapolizia-news/2014/10/14/omicidio-di-ciro-la-procura-sbugiarda-il-racis-2-066794), ma che ora diventa palese in sede di dibattimento e richiesta di condanna.

L’omicidio di Ciro, caduto in un agguato teso da fascisti (quel giorno all’Olimpico si doveva giocare la fina di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina, quindi non ci poteva essere neppure per errore un qualche “contatto improprio” tra tifoserie storicamente avverse), aveva visto in seguito squallidi tentativi di “buttarla in caciara” – se mpre da parte di gruppi fascisti travestiti da “tifosi” – fino a vergognoso striscione fatto apparire sugli spalti dell’Olimpico contro la madre dell’ucciso (http://contropiano.org/news/politica-news/2015/04/06/stadio-olimpico-comunella-fascista-contro-la-madre-di-ciro-esposito-030075).

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *