sd t st m
Menu

Legge Fornero. Su Legge 104 e pensioni non c'è la copertura

Legge Fornero. Su Legge 104 e pensioni non c'è la copertura

Soppresso l'articolo 4-ter nella parte in cui estendeva anche ai permessi per congedi parentali e per legge 104 l'equiparazione a "giornate effettive di lavoro". La Commissione Bilancio della Camera, che ha esaminato ieri (24.10.2013) il DL 101/2013: Ha soppresso l’emendamento che includeva i congedi parentali di maternità e paternità, nonché quelli concessi ai sensi della legge n. 104 del 1992, tra i periodi di “servizio effettivo” ai fini dell'erogazione dei trattamenti pensionistici anticipati ed evitare la penalizzazione economica a chi la chiedesse da qui al 2017.

 

Restano, invece, considerate attività effettiva di lavoro, e quindi conteggiata ai fini pensionistici: le donazioni di sangue, l'astensione obbligatoria per maternità, l’assolvimento degli obblighi di leva, l'infortunio, la malattia e la cassa integrazione, grazie alla riduzione del Fondo per interventi strutturali di politica economica, di cui all'articolo 10, comma 5, del decreto-legge 29 novembre 2004, n.282.

 

La notizia della bocciatura dell'equiparazione a "giornate effettive di lavoro" dei permessi per congedi parentali e per legge 104 è negativa per due ordini di motivi. Da una parte perché, stando agli interessati, continuerà a rimanere il vuoto normativo provocato dalla legge Fornero. Dall'altra perché si trattava di uno dei pochi possibili cambiamenti da mettere in conto.

 

Difficile, a questo punto, sperare in una concreta e profonda riforma delle pensioni. La difficoltà a trovare una copertura finanziaria adeguata è destinata ad azzerare ogni tipo di speranza.

 

La politica dunque fa cassa con i disabili. La scure della politica si è abbattuta con inaudita ferocia sui diritti delle persone con disabilità fino a giungere allo sterminio dei diritti e ad una vera macelleria sociale che si è tradotta nel taglio del fondo delle politiche sociali che: · nel 2008 era di 930 milioni di euro; · nel 2013 è di 345 · nel 2014 è pari a 0 euro.

 

La compartecipazione alla spesa sociale va richiesta a persone in condizioni economiche privilegiate al di sopra del ceto medio.

 

Il Governo in materia di welfare e di politiche sociali deve consentire a quanti vivono la disabilità il ripristino di tutti quei diritti che in qualunque società democratica e civile sono considerati inalienabili, perché in nessun tessuto sociale, neanche nei periodi di peggiore crisi, la riduzione della spesa pubblica può e deve tradursi in emarginazione sociale.

 

 

 

Ultima modifica il Venerdì, 25 Ottobre 2013 14:38
Fai una donazione

2 commenti

  • anna
    anna Domenica, 19 Gennaio 2014 22:00 Link al commento

    Trovo giusta la decisione della Fornero sulla legge 104. Purtroppo troppe persone usufruiscono di questa legge per i propri comodi, lasciando i parenti disabili in custodia ad altre persone. Visto la disoccupazione che c'è,lasciassero il posto di lavoro a chi ne ha bisogno!!!

    Rapporto
  • federica
    federica Domenica, 27 Ottobre 2013 11:56 Link al commento

    Vergognosa la decisione... vergogna lo stato italiano e tutti quelli che ne fanno parte.viene attaccato chi non ha voce...chi è più impegnato a sopravvivere che a pensare a queste m...e!!

    Rapporto

Lascia un commento

N.B. Il commento locale sarà sottoposto ad approvazione da parte di un amministratore prima di essere pubblicato, se desideri commentare immediatamente puoi usare il box dei commenti Facebook che trovi più in alto in questa pagina

Torna in alto
sostieni condividi segui