Menu

Depakin 2. Class action in Francia contro il farmaco “deformante”

1159 visualizzazioni

I genitori francesi non si fidano per tutto quanto riguarda il Depakin e, coniando uno slogan «Insieme siamo più forti», l’APESAC – l’associazione delle vittime dell’antiepilettico Depakine – ha presentato Mercoledì 21 settembre una denuncia di parte civile per ottenere l’apertura di una inchiesta giudiziaria e la nomina di un giudice per stabilire le responsabilità di questo nuovo scandalo salute.

Tutto questo perchè negli ultimi sedici mesi, nonostante le denunce individuali di molte famiglie, non si è fatto nulla per iniziare una indagine penale.

L'Association d’Aide aux Parents d'Enfants souffrant du Syndrome de l'Anti-Convulsivant (mail: contact@apesac.org) afferma che l’indagine non solo è urgente, ma bisogna capire bene perchè il farmaco sia stato prescritto alle donne in gravidanza visto che i pericoli del Depakine, e dei derivati, erano ben conosciuti.


Secondo l’APESAC, sono 2426 vittime del Depakine e sono 401 i morti. Il 30-40% dei bambini, la cui madre nella gravidanza ha assunto Depakine, ha disturbi cognitivi (autismo) mentre l’11% ha malformazioni (fonte EMEA). Mentre l’80% dei bambini avrebbe Dismorfie facciali (fonte: Dott Souchet-2004)

L’affaire Depakin – cioè acido Valproico – va avanti.

Prof Roberto Suozzi

Medico e Farmacologo Clinico

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *