Menu

1961-2011 “Potrei volare nello spazio per sempre!”

Un giovane, bello e coraggioso portò tra le stelle il sacrificio e le speranze del proletariato mondiale. Nato il 9 marzo 1934 in un villaggio dove il padre era falegname, dopo una brillante carriera scolastica diviene Tenente dell’Aeronautica Sovietica, a soli 27 anni fu scelto per questa fantastica missione.

Questo il suo messaggio prima della partenza:

“Cari amici, conosciuti e sconosciuti, cari mie compatrioti e tutti i popoli del mondo! Tra pochi minuti un razzo sovietico porterà la mia navicella nella vastità dello spazio. Ciò che voglio dirvi è questo: tutta la vita è davanti ai miei occhi come un unico momento. Sento che la mia forza mi porterà a compiere con successo ciò che vi aspettate da me.” (Fonte “The Voice of Russia” web site)

Durante il viaggio Yuri compie un’intera orbita ellittica intorno alla Terra, raggiungendo un’altitudine massima di 302 km e una minima di 175 km, viaggiando a una velocità di 27.400 km/ora, per una durata complessiva di 108 minuti.

 

Dalla navicella oramai in orbita:

“Da quassù la Terra è bellissima, senza frontiere né confini!”

 

“Girando attorno alla Terra, nella navicella, ho visto quanto è bello il nostro pianeta. Il mondo dovrebbe permetterci di preservare ed aumentare questa bellezza, non di distruggerla!”

Disse ancora al suo ritorno.

 

Tornò da eroe cambiando per sempre la storia dell’umanità e non solo nel senso tecnico-scientifico.

La forza della Rivoluzione d’Ottobre del 1917 così si esprimeva di nuovo.

Morì troppo presto mentre collaudava un aereo, era il 27 marzo 1968, probabilmente non lasciò il veicolo in panne per impedire che cadesse su un villaggio abitato.

“Yuri Gagarin è entrato nel firmamento dei grandi eroi, perdendo il vincolo temporale e conquistando il senso, il significato e il segno eterno dell’esempio, dell’ispirazione e del mito.
Così ogni giorno lo ricordiamo. Guarda

ndo in alto.” dal sito www.yurigagarin.it

ascolta la voce di Gagarin dallo spazio:

 

Eppure oggi molti dei nostri ragazzi non sanno neanche cos’era l’Unione Sovietica..  ricordare questo momento così importante è una buona scusa per fare una lezione di storia!

 

Barbara Battista

Esecutivo nazionale PI-Scuola

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • luciano scatanic

    consiglio di vedere il film “cosmonauta” divertente e rappresentativo di un periodo storico importante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *