Menu

Mobilitiamoci il 28 febbraio

308 visualizzazioni
b57dd56578af07ed20409ce306188cd3

Non sembra esserci limite per l’arroganza e la bulimia neoliberista. Non bastano i tagli alle pensioni e alla sanità, non basta la cancellazione di diritti democratici fondamentali (dalla legge elettorale in gestazione alle “nuove regole sulla rappresentanza sindacale”), non bastano i salari da fame per i lavoratori precari di ogni età, non basta il ricatto vitale inscritto nel Jobs Act (“se non ti pieghi, non lavori”).

Per l’Expo 2015 a Milano, un potere arrogante, sfrontato, “bullista”, ha pensato bene di arrivare al limite estremo: il lavoro gratuito. “Fa curriculum”, “fate esperienza”, “fate vedere che sapete rimboccarvi le maniche”… E intanto loro fanno i soldi.

Un modo di far restare a galla imprese cianotiche, imprenditori senza capacità produttiva, succhiando energie vitali da persone reali che vengono consapevolmente illuse, prese in giro, sfruttate “per far fare una bella figura all’Italia”. Poi, chiusa la fiera, finite le illusioni, fuggiti i “prenditori”.

Il limite a questa arroganza rapinatrice possiamo essere soltanto noi: gente che lavora e non guadagna abbastanza per vivere, disoccupati che non riescono a rientrare nel circuito produttivo, pensionati presenti e futuri sotto il minimo vitale, giovani che si vedono scippare presente e il futuro.

Per questo Ross@ aderisce e invita a partecipare alla grande manifestazione del 28 febbraio a Milano, promossa dal Forum Diritti Lavoro che vedrà protagonista il sindacalismo di base e non solo. Contro il “modello Expo” e il governo Renzi, e contro i diktat dell’Unione Europea che hanno portato mezza Europa in recessione.

Rovesciare questo modello è possibile. Mezza Europa si sta rivoltando, i governi di molti paesi sono in bilico, crescono i movimenti che rimettono in discussione l’Unione Europea e ne chiedono la rottura o almeno la “riforma radicale”.

Questo è il momento di farsi sentire, di mettere in moto – anche qui in Italia – una mobilitazione di massa prolungata, consapevole, crescente, per spazzare via i governi dell’austerità e i fascio-razzisti di ogni tipo. Per prendere nelle nostre mani il nostro modo di vivere, produrre, esistere. Da egualmente liberi.

Per questo sosteniamo anche la mobilitazione del 28 febbraio a Roma, contro il tentativo fascio-leghista di Salvini di rifarsi una verginità come opposizione a Renzi.

Ross@ – Movimento politico anticapitalista

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *