Menu

Un 28 febbraio di lotta a Roma e Milano

512 visualizzazioni

In piazza a Milano e Roma: Renzi e Salvini due facce della stessa medaglia

Il 28 febbraio le strade di Milano e Roma saranno attraversate da due manifestazioni che hanno al centro dei loro obiettivi il rilancio dell’opposizione politica e sociale al complesso delle strategie dell’Unione

Europea, del governo Renzi assieme al deciso stop ad ogni tentativo leghista e fascista di interpretare strumentalmente il crescente disagio dei settori popolari colpiti dalla crisi.

A MILANO: il Forum Diritti/Lavoro assieme al sindacalismo conflittuale contesta il cosiddetto Modello Expo il quale – sulla scorta dei micidiali effetti antisociali del Job Act – spiana la strada ad una nuova e più spietata frammentazione di ogni forma di organizzazione politica e sindacale dei lavoratori, dei precari e dei disoccupati;

A ROMA: una manifestazione popolare contesta la demagogia populista e razzista della Lega Nord la quale punta ad insediarsi a Roma e nel resto del paese per incanalare in una prospettiva reazionaria ed antiproletaria il malcontento sociale provocato dai provvedimenti della Trojka e dalle continue misure governative di macelleria sociale, copione già visto in Francia con il Fronte Nazionale e in Grecia con Alba Dorata;

La Rete dei Comunisti aderisce e partecipa ad entrambi gli appuntamenti di lotta e sostiene tutte le iniziative che mirano a ricostruire attraverso il conflitto una rappresentanza politica degli interessi popolari autonoma ed indipendente dalle compatibilità capitalistiche e da ogni subalternità politica verso i poteri forti.

Il rafforzamento di una opposizione organizzata ai provvedimenti antipopolari dell’Unione Europea, ai pericoli di guerra, alle crescenti spinte autoritaria della società dovrà fondarsi su una ripresa del conflitto articolata e generalizzata – nei posti di lavoro, nei territori e nell’intera società – sconfiggendo la pericolosa demagogia leghista, razzista e fascista che non è assolutamente una soluzione dei problemi dei ceti popolari ma rappresenta un ulteriore fattore di debolezza, divisione ed arretramento dei nostri interessi storici ed immediati.

Rete dei Comunisti    (www.retedeicomunisti.org)                                                         Noi Restiamo             (noirestiamo.noblogs.org)

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *