Menu

18 maggio 1944. Settantatrè anni dalla morte di Dante di Nanni

2603 visualizzazioni

Dante è morto non distante da casa mia, in Via San Bernardino, quasi angolo quella che è oggi Via Di Nanni. Quartiere operaio San Paolo, Torino, dove vivo. Per me è facile, andare a trovarlo.

Stamattina, il garofano rosso che aveva messo mio figlio Stefano, nei giorni del 25 aprile, ho visto, si è un po’ seccato. E’ – nella foto qui sopra – l’unico fiore non finto, un po’ sfiorito, che gira verso il basso. Accidenti. Non va bene.

Schermata del 2017-05-18 10-58-23

Nella foto qui sotto, com’era, invece, in quei giorni: quello più in alto. Ancora una volta, come accade spesso – ad esempio quando guardo la foto di Dante negli occhi, o penso al Comandante Giovanni Pesce – mi sono sentito inadeguato.

Ma alla fine non l’ho cambiato, il fiore. Lasciamo lì quello del 25 aprile ancora per un po’, come se il tempo scorresse un po’ meno velocemente di come invece scorre. Sfiorisci pure, bel fiore. Dante, intanto, non invecchia: ha vent’anni per sempre.

fiore

Dante. Hai popolato i miei incubi e i miei sogni. Son caduto anch'io da quel balcone, tante volte. E tante sere, con il cane, son venuto a trovarti in  Via San Bernardino, per raccontarti cosa succedeva. Va sempre peggio, Dante: sempre peggio.

Lasciami stare Dante, faccio fatica a sopportare il tuo sguardo, ormai: ti voglio molto bene, quasi da far male. E non riesco ad esser come te. Riposa, compagno.

 

Via San Bernardino, per raccontarti cosa succedeva. Va sempre peggio, Dante: sempre peggio.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • Daniele

    Onore e gloria ai Martiri Rivoluzionari della Resistenza, Onore e Gloria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *