Menu

Con i lavoratori dell’Ilva e dell’Alitalia, per le nazionalizzazioni

1575 visualizzazioni

Eurostop sarà in piazza giovedi 20 luglio insieme agli operai dell’Ilva e ai lavoratori dell’Alitalia che manifesteranno a Roma al Ministero dello Sviluppo Economico.

La svendita ai privati di Alitalia e dell’Ilva, due aziende strategiche per l’economia e la coesione sociale del nostro paese, sono indicative della vergogna e dello smantellamento delle risorse produttive portato avanti dai governi e dalle classi dominanti.

Prima hanno spolpato le aziende pubbliche, poi le hanno privatizzate, adesso le spezzettano per venderne alcune parti e chiuderne altre.

E’ evidente che chi si dice interessato all’Alitalia e all’Ilva non vuole né l’una né l’altra: vuole solo prendersi le loro quote di mercato. Lo ha dichiarato apertamente Lufthansa e lo faranno la cordata Mittal-Marcegaglia che ha già raggiunto la quota massima di produzione siderurgica consentita nell’Unione Europea.

I nuovi “prenditori” all’opera – questa volta non solo italiani ma soprattutto tedeschi e francesi – intendono cannibalizzare le risorse produttive del nostro paese e ridurlo in condizione di totale subalternità economica e tecnologica al nucleo centrale dell’Unione Europea.

Bisogna opporsi con ogni mezzo necessario a questa distruzione sistematica delle aziende di interesse pubblico.

Per queste ragioni va rilanciata la nazionalizzazione delle aziende strategiche e delle banche privatizzate negli anni ‘90 e che oggi cercano di scaricare sul pubblico quasi 200 miliardi di crediti inesigibili salvaguardando però interessi, profitti e proprietà privata delle banche.

C’è urgenza di una vasto fronte sociale, sindacale, politico e costituzionale che rimetta al centro gli interessi collettivi del paese e contrasti gli interessi speculativi privati. La nazionalizzazione delle aziende strategiche è la vera soluzione.

Eurostop

eurostop.it@gmail.com

eurostop.info

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *