Menu

Amnistia come soluzione politica

812 visualizzazioni

Rilanciare la proposta dell’amnistia come soluzione politica per quello che e’ stato il fenomeno della lotta armata in Italia.
In Francia e Germania non ci sono piu’ detenuti di percorsi simili a quelli italiani.
Qui ancora tanti e tante sono in carcere!

La storia della lotta armata in Italia e’ definitivamente finita!
Nacque negli anni settanta ma intorno al 1985 era gia’ completamente conclusa. Poi in pochissimi e realmente anacronisticamente l’hanno riproposta. Ma dal 2003 non esiste proprio piu’. Sono dati di fatto inconfutabili!
Detto questo ci sono ancora durissimi strascichi di quella vicenda.
Uomini e donne, una trentina, detenuti nel carceri di massima sicurezza da piu’ di trentacinque anni, qualcuno vicino ai quaranta!
Alcuni ancora in semiliberta’!
I quattro, cinque, dell’ultima generazione sono sepolti vivi nelle aree riservate del 41 bis!
La pensione sociale e’ stata tagliata (sarebbe un minimo reddito per la sopravvivenza),  per chi e’ stato condannato per quelle vicende!
La soluzione politica lo dice la parola stessa, dopo la chiusura giudiziaria gia’ avvenuta, sancirebbe anche la possibilita’ di una ricostruzione storico politica di quella storia, che puo’ avvenire quando tutti i protagonisti saranno liberati!
Come rilanciare questa battaglia dell’amnistia?
Oggi francamente i movimenti e la nuova sinistra, sono in difficolta’.
La cultura libertaria, non e’ mai stata forte in questo paese ma ora sembra essersi persa!
I detenuti e le detenute ancora in carcere per quella vicenda sono chiusi in se stessi e non hanno una apertura verso l’amistia.
Ma secondo me va rilanciata lo stesso, come battaglia politica generale sul tema!
I nuovi movimenti sociali antirazzisti e per i diritti dovrebberlo farla propria!
Ma per fare questo dobbiamo impegnarci tutti e unitariamente!
La soluzione politica e’ l’unico strumento per rilanciare una discussione e ricostruzione di quegli anni e di quella storia.
Ed e’ l’unico modo per chiuderla, con la liberazione di tutte e tutti!
In Francia e in Germania, paesi attraversati dello stesso fenomeno italiano non hanno piu’ nessuna persona di quella storia in carcere!

* Osservatorio contro la repressione

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *