Menu

E’ morto Luigi Pestalozza, comunista che amava la musica

1763 visualizzazioni

Milano. Oggi ci ha lasciato Luigi Pestalozza. Un musicologo importante ma soprattutto un partigiano e un comunista. Aveva 89 anni e da sempre ha coniugato passione e militanza politica con lo studio e la divulgazione della musica. Luigi Pestalozza è stato un autorevole critico musicale. Ha aderito al PCI nel 1956. Dal 1951 al 1961 aveva lavorato all’Avanti, successivamente aveva collaborato con Rinascita, l'Unità e Paese Sera. A seguito dello "strappo" ha collaborato con la rivista Marxismo Oggi assai critica verso la deriva delle posizioni internazionali e la mutazione genetica del PCI. Nel 1950 aveva fondato il periodico "Il diapason". Ha insegnato storia della musica all'accademia di Brera. Luigi Pestalozza ha partecipato giovanissimo alla Resistenza, militando a 16 anni nelle Brigate Giustizia e Libertà. " La cosa più straordinaria in proposito è che a Milano eravamo 720 partigiani a fronte di 11000 tra tedeschi e fascisti. Però chi dominava la città eravamo noi, e loro non riuscivano mai a sapere dove noi facessimo un disarmo, o un comizio davanti a una fabbrica all’ora del pasto. Sperimentavamo la solidarietà del popolo milanese, culminata a marzo, con lo sciopero generale di tre giorni" ha raccontato in una intervista di alcuni anni ad una pubblicazione universitaria.  A chi gli chiedeva come conciliasse il suo essere ritenuto un musicologo con la militanza politica, Pestalozza ha risposto: "La mia esperienza di musicologo parte dal fatto che io non sia un musicologo, ma uno storico della musica. Il termine musicologo si porta dentro il positivismo ottocentesco, e cioè una concezione puramente oggettuale della musica, e non della musica come parte della storia".

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

3 Commenti


  • rosella formenti

    Veronica Kleiber esprime il suo cordoglio e la vicinanza alla famiglia di Luigi Pestalozza, un grande uomo e ne ricorda l'impegno civile e culturale, un esempio che non può e non deve essere dimenticato.

     


  • Enea Bontempi

    Mi piacerebbe sapere perché è stato tolto l'articolo di Maurizio Disoteo 'in memoriam' con i relativi commenti.


    • Redazione Contropiano

      Non è stato tolto; semplicemente è scrollato” perché ce ne sono di nuovi…

      se clicchi sul bannerino “Cultura” esce fuori tutta la cronologia deglòi articoli in quella sezione…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI CORRELATI