Menu

Roma. I pittori “cacciati” da Piazza Navona chiedono spiegazioni al Comune

221 visualizzazioni

Esiste un’idea di “decoro urbano” che somiglia pericolosamente alla ricerca dell'”ambiente asettico”. Ma una metropoli con quasi 3.000 anni di storia non può e non deve assomigliare a una sala operatoria. Né a una disneyland “ben tenuta”, senza abitanti in centro, senza artisti di strada in una città d’arte (!), senz’anima e con molto business.. La civile ma illuminante protesta degli artisti in questa “lettera aperta”.

*****

LETTERA APERTA AL COMUNE DI ROMA

Dal 18 aprile 2014, a seguito di un blitz della Polizia Municipale a Piazza Navona,senza che ci venisse comunicato quale Ordinanza Comunale autorizzasse tale azione, noi Pittori, Ritrattisti e Caricaturisti, regolarmente iscritti all’Albo dei Pittori, ancorché titolari di una Autorizzazione Municipale , siamo stati cacciati e di fatto ci è stato impedito di svolgere il nostro lavoro a Piazza Navona.

L’Autorità Comunale, il Municipio I e la Polizia Municipale a tuttoggi non forniscono alcuna informazione circa i motivi che hanno portato all’impedimento del nostro lavoro nella sopramenzionata piazza.

La Polizia Municipale minaccia, qualora si tentasse di esporre le nostre opere, il sequestro delle stesse e la stesura di un verbale di contravvenzione pari a circa 5000,00 euro.

Sotto tale ricatto ci troviamo impossibilitati a svolgere il nostro lavoro, unica fonte di sostentamento.

Occorre sottolineare che nel 2002 è stato istituito l’ “Albo dei Pittori Ritrattisti e Caricaturisti presso il Municipio I di “Roma Centro Storico” (D.D.1522 del 18/06/2002), nel quale sono iscritti coloro che hanno superato una prova artistica, secondo i criteri stabiliti nell’ Avviso Pubblico (D.D. 01170 del 6 Mag. 2002).

 

Sempre nel 2002 un altro Avviso (D.D. 1356 del 1/05 /2002) stabiliva l’ “assegnazione per l’occupazione del suolo pubblico” con scadenza biennale e con l’obbligo di rinnovo secondo quanto è stabilito nella D.D. 236 del 11/02/2005.

Per l’inadempienza delle Giunte Comunali che si sono succedute, il rinnovo non è più avvenuto!

Il 6 Marzo 2007 è stata approvata la Delibera Comunale n. 40 che stabilisce 44 postazioni in Piazza Navona e 12 a Piazza Trinità dei Monti.

I Pittori, Ritrattisti e Caricaturisti sono ancora in attesa da 7 anni di un atto amministrativo che permetta di regolarizzare definitivamente la situazione. Questa “mancanza” delle istituzioni ha permesso una invasione massiccia di “abusivi” non iscritti all’Albo sopra citato, che, di fatto, ingombrano gli spazi e raddoppiano il numero di postazioni regolamentari!

Come è facilmente intuibile, tale situazione ha creato enormi disagi a noi Pittori, Ritrattisti e Caricaturisti che, in un periodo di grave crisi e disoccupazione, mettiamo a frutto le nostre capacità per guadagnarci da vivere.

Dal 19 aprile 2014, ci siamo attivati per dialogare con le Autorità competenti sia Municipali che Comunali ,ma sino ad oggi i rimandi e le risposte evasive ottenute hanno avuto come unica conseguenza quella di lasciare in sospeso persone, che certamente, non vivono di rendita.

Si chiede dunque di poter riprendere la nostra attività secondo quanto stabiliscono le normative sopra citate e, nell’immediato , che venga emanato un provvedimento di estrema urgenza per revocare quanto impedisce la ripresa dell’attività lavorativa.

A suffragio di quanto esposto, citiamo i vari ricorsi amministrativi al T.A.R Lazio , che hanno stabilito il diritto degli artisti a continuare a lavorare: la sentenza della Sezione Seconda Ter sul ricorso Nr di registro 7396 del 2007 recita: “ …, si è inteso permettere a coloro che, essendo regolarmente iscritti all’Albo dei Pittori Caricaturisti e Ritrattisti, ……..

( n.d.r).di continuare a svolgere provvisoriamente la propria attività, pagando una indennità commisurata al periodo di effettiva occupazione del suolo pubblico.”

Roma li 12 Maggio 2014

Per contatti: Claudio Meli 3281397795

Antonio Alfarone 328 4185689

Walid Cheikh 339 2313720

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *