Menu

L’ex ministro Clini indagato anche a Roma. Per corruzione

L’ex ministro dell’Ambiente Corrado Clini è indagato a Roma insieme con la moglie Martina Hauser ed altra 4-5 persone per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione con l’aggravante della transnazionalità. L’inchiesta verte su presunte provviste realizzate tramite progetti per centinaia di milioni realizzati in Cina e Montenegro. Il sospetto degli inquirenti è che dietro il finanziamento di tali progetti, ottenuti da imprese italiane, ci sia stato un giro di mazzette.

Si era fatto notare più cha altro per il salvataggio dei Riva, messi sotto inchiesta per l’inquinamento dell’Ilva. Ma il ministro dlel’ambiente di Mario Monti, “il moralizzatore”, sembra pensasse soprattutto ai “fatti suoi” (come e meglio di Razzi).

Un incredulo Sole24Ore è costretto a riferire che:

Fonti investigative rivelano che allo stato si sta cercando di ricostruire il flusso di denari pubblici fuoriusciti senza specifiche ragioni. L’ipotesi, tutta da verificare, è che questi soldi una volta dirottati all’estero sarebbero rientrati per poi finire su conti correnti bancari in Svizzera riconducibili, tra gli altri, anche all’ex ministro Clini. L’inchiesta è stata aperta ad agosto scorso, in concomitanza con quella della Procura di Ferrara, e presto potrebbe riservare nuove sorprese. Perché i magistrati ritengono che la presunta organizzazione sia riuscita a mettere su un “sistema” ben congegnato e organizzato per consentire un’uscita regolare dei soldi pubblici (attraverso un presunto giro di false fatturazioni) per poi farli rientrare. Ieri, infatti, gli investigatori della Guardia di finanza hanno passato al setaccio l’abitazione e l’ufficio ministeriale di Clini, portando via una serie di incartamenti che – stando a quanto trapelato – potrebbero chiarire i contorni del coinvolgimento dell’ex ministro. Inoltre, tengono a precisare fonti investigative, l’indagine ha subito uno sprint anche grazie al contributo dato dall’attuale ministro dell’Ambiente, Gianluca Galletti, e dal suo staff ministeriale.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *