Menu

La Fiom NON aderisce allo sciopero delle donne, l’8 marzo

10641 visualizzazioni
2056c9db-00b5-43ce-9c71-bca37985047a

Martedì 28 febbraio, presso la sede nazionale della Fiom-Cgil si è svolto l'incontro tra una delegazione della rete Non Una Di Meno e alcune rappresentanti sindacali della suddetta organizzazione. Incontro seguito alla richiesta avanzata da Non Una Di Meno alla Fiom e alla Cgil di indire lo sciopero generale per il prossimo 8 marzo o, in caso di risposta negativa, di fornire una motivazione pubblica in merito.

La Fiom-Cgil ha dichiarato che non indirà lo sciopero generale, giudicando questo strumento di mobilitazione, che le donne di oltre quaranta paesi del mondo hanno scelto di usare in quella giornata, nei termini di uno sciopero politico, in quanto tale difficilmente articolabile, comprensibile e dunque realizzabile nei luoghi di lavoro in cui è presente e opera. Pertanto, come già comunicato dalla stessa Cgil, si adopererà esclusivamente nell'organizzazione di eventuali iniziative pubbliche e assemblee e saranno, in caso, le singole RSU e le articolazioni territoriali a valutare la possibilità di indire lo sciopero nei propri luoghi di lavoro.

Assumiamo il fatto che la Fiom-Cgil non ha colto, in tutta la sua urgenza politica, la sfida lanciata dal movimento globale delle donne. Movimento che ha iniziato a reinventare e dare nuovo significato anche alla stessa pratica dello sciopero: l'8 marzo non sarà infatti tanto o solo uno sciopero politico, Non Una Di Meno la sua piattaforma la ha ed è il Piano Femminista contro la violenza che tutte insieme abbiamo iniziato a scrivere negli scorsi mesi. Non è più tempo di leggere la lotta contra la violenza sulle donne nei termini di una battaglia “culturale o emancipatoria” separata da quelle sindacali e vertenziali. Affermare che la violenza di genere è fenomeno strutturale e sistemico che attraversa quindi tutti gli ambiti dell'esistenza delle donne vuol dire immaginare risposte all'altezza, capaci di pensare una trasformazione radicale della società e delle relazioni, come anche delle condizioni di vita e di lavoro. Ed è questo che le donne stanno facendo, autorganizzandosi negli sportelli e nei centri antiviolenza, nei territori, nei posti di lavoro, in casa, nelle scuole e nelle università. Non saranno queste risposte negative ad arrestarci, noi andremo avanti, il prossimo 8 marzo incroceremo le braccia insieme a centinaia di migliaia di altre donne in tutto il mondo, ci riprenderemo le piazze e le strade con le nostre rivendicazioni e non ci fermeremo fino a che non otterremo delle risposte concrete rispetto al Piano che andremo a proporre. Lo ripetiamo ancora una volta, “Se le nostre vite non valgono, noi scioperiamo!”.

 

da http://www.dinamopress.it/

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *