Menu

A Genova la questione dei Cinque Cubani prigionieri

546 visualizzazioni

Nell’ambito delle giornate del decimo anniversario della lotte contro il G 8 di Genova e dell’assassinio di Carlo Giuliani,il Comitato Italiano Giustizia per i Cinque,con i circoli dell’Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba di Genova e di Roma “Julio Antonio Mella” e con la Associazione Nuestra America hanno tenuto due importanti incontri il 7 e l’8 luglio.

Con gli interventi della presidente del C I G x i 5  Haidi Gaggio Giuliani,dei vicepresidenti Luciano Vasapollo e Franco Forconi e l’avvocato Dario  Rossi dell’Associazione dei Giuristi Democratici,si è proseguita anche a Genova la campagna internazionale “ IL 5 PER I 5”, dibattendo con una buona partecipazione di un pubblico molto interessato, e denunciando, anche con la cosiddetta “democratica” amministrazione Obama,  il perdurare della ancora dura ed irrisolta ingiusta carcerazione dei Cinque agenti antiterroristi cubani ( Gerardo, Renè, Ramon,Fernando, Antonio),e  discutendo sulle prossime iniziative nazionali e internazionali da intraprendere per la loro liberazione.

Nel secondo giorno è stato presentato il libro”L’economia  cubana non è una scienza triste “( a cura di Luciano Vasapollo Ed. Achab 2011 ),dibattendo a lungo con il pubblico sul suo contenuto teorico e applicativo relativo alle  nuove linee di attualizzazione economica e sociale a Cuba presentate e approvate al VI Congresso del PCC; il libro verrà presentato a settembre e ottobre in moltissime città italiane per proseguire il dibattito sulla fase di perfezionamento della pianificazione socialista cubana e le sue relazioni con i processi di integrazione dell’ALBA .

Due incontri davvero interessanti di solidarietà politica alla Rivoluzione cubana che hanno dato un ulteriore significato di approfondimento teorico e di lotta a questo anniversario contro l’ingiustizia e il terrorismo di Stato.

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *