Menu

Tutti vogliono andare a bombardare la Siria. Contro chi?

641 visualizzazioni

E adesso tutti vogliono andare a bombardare in Siria. L’opinione pubblica è ormai sufficientemente coinvolta, prima dall’impatto degli “orrori dell’Isis”, poi dalle immagini dei profughi siriani arrivati nel cuore dell’Europa con la foto del bambino morto su una spiaggia turca a fare da immagine-simbolo, ma anche come bulldozer mediatico per mettere a tacere ogni riluttanza e ogni capacità di discernimento.  Si va a bombardare in Siria dunque, ma chi e per fare cosa? Dalle dichiarazioni ufficiali si conferma ormai che l’Isis è una solo una sorta di spauracchio a uso e consumo del consenso intorno all’intervento militare che ha come vero obiettivo la destabilizzazione finale del regime di Bashar Al Assad il quale, contrariamente ai pronostici e alla guerra civile scatenata dal paese dalle potenze occidentali e dalle petromonarchie del Golfo,  negli ultimi quattro anni è riuscito a rimanere in piedi in una parte del paese.

La Francia starebbe riflettendo sull’ipotesi di compiere operazioni aeree contro lo Stato islamico in Siria, che potrebbero concretizzarsi tanto in raid aerei che in voli di ricognizione. A riferirlo è  il quotidiano Le Monde, che però non ha ricevuto conferme ufficiali, ma intanto gestisce le notizie su questo fronte come una sorta di bollettino in aggiornamento, sia per quanto riguarda la Francia che la Gran Bretagnna.

L’Eliseo ha annunciato in ogni caso che il Presidente si esprimerà lunedì sulla questione nel corso della sua conferenza stampa semestrale. “L’esodo massiccio di siriani, il fallimento della coalizione nel far retrocedere l’Isis in Iraq o ancora la maggiore presenza militare russa sul campo, stanno facendo lentamente cambiare la posizione francese”, scrive il quotidiano. La Francia già partecipa con alcuni aerei alle operazioni in Iraq della coalizione diretta dagli Usa contro l’Isis. Ma non vuole fare altrettanto in Siria, per non aiutare in questo modo il regime di Bashar al Assad. Parigi invece potrebbe intervenire militarmente in Siria “per questioni di sicurezza interna” e “in tutta indipendenza”, avrebbe spiegato una fonte governativa al quotidiano.

Anche il governo britannico esprime l’ intenzione di lanciare attacchi aerei  in Siria, secondo fonti ufficiali rese note dal Sunday Times. Cameron vuole ottenere il via libera del parlamento ai raid in un votazione ai primi di ottobre. Il cancelliere britannico Osborne affermato che “una Siria più stabile e in pace” si raggiunge con la lotta al “malvagio regime di Assad e ai terroristi Isis”.  Ad agosto, il presidente statunitense Barack Obama aveva dato l’autorizzazione alle forze Usa per compiere raid aerei in difesa dei gruppi di ribelli siriani addestrati dagli Usa nell’ambito della sua strategia anti-Isis, ma anche se ad attaccarli fossero state  le forze del presidente siriano Bashar al Assad. 

La risposta della Russia a questa direttiva di Washigton non si era fatta attendere.  I possibili raid aerei Usa per proteggere l’opposizione siriana, secondo il Cremlino, potrebbero destabilizzare ulteriormente la situazione in Siria facendo il gioco dell’Isis. ”Mosca ha sottolineato ancora una volta che l’assistenza, tanto piu’ con mezzi finanziari o tecnici all’ opposizione in Siria, porta all’ulteriore destabilizzazione del Paese”, aveva dichiarato Dmitri Peskov, portavoce di Putin. ”In sostanza questo porta ad una situazione nel Paese di cui possono approfittare i terroristi del cosiddetto Stato Islamico perche’ e’ in questo modo che la dirigenza indebolita perde il suo potenziale per combattere l’ulteriore espansione dello Stato Islamico”.

Su questa frenesia da bombardamento, contro l’Isis ufficialmente, ma contro le forze di Assad più probabilmente, si innesta l’emergenza profughi con la decisione della Germania di aprire le porte ma solo ai rifugiati siriani. Un dettaglio che, a questo punto, si presta a interpretazioni molto diverse da quelle del diritto di asilo e dell’aiuto umanitario.

Il massiccio afflusso in Europa di rifugiati dalla Siria e dal Nord Africa rappresenta “un enorme problema”, con cui bisognerà probabilmente fare i conti “per i prossimi venti anni” ha dichiarato nei giorni scorsi il generale Martin Dempsey, il capo di stato maggiore uscente delle forze armate Usa. Nella logica di Dempsey il raccordo con precedenti campagne umanitarie ai fini dell’intervento militare è quasi spontaneo. “Ricordo che il mondo si fermò e puntò gli occhi su Sarajevo“, ha aggiunto il capo di Stato maggiore. “Oggi, mentre siamo qui seduti, ci sono 60 milioni di rifugiati nel mondo, 42mila famiglie al giorno secondo le Nazioni Unite, e l’impressione è che non ci sia il livello di interesse per la situazione come accadeva invece con l’incidente di Sarajevo di venti anni fa“. “Il mio personale giudizio su questo“, ha detto Dempsey in una intervista alla Abc, “è che dobbiamo guardare a queste situazioni sia unilateralmente che con gli alleati come un problema generazionale e organizzare noi stessi e le nostre risorse a un livello sostenibile per affrontarle per i prossimi venti anni”.  L’emergenza immigrati, secondo Dempsey, è stata «l’argomento più importante» discusso dai leader militari di Washington e della Nato nei loro incontri gli scorsi mesi. Dempsey ha parlato con la “libertà” che deriva dal fatto che il suo incarico scade il prossimo 1 ottobre, quando verrà sostituito al Pentagono dal generale Joseph Dunford.

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

2 Commenti


  • roberto

    L’unica cosa che andrebbe veramente fatta è svergognare questi governi occidentali criminali che hanno creato e sostengono l’Isis con il duplice scopo di combattere in medio oriente l’asse della resistenza (Iran Iraq Siria Libano) e creare l’alibi per un rinnovato intervento militare dell’ imperialismo nella regione come infatti sta accadendo. La cosiddetta coalizione anti Isis occidentale è puro fumo negli occhi, i terroristi sono combattuti efficacemente sul campo soltanto dalle forze iraqene, siriane ed iraniane e da Hezbollah nel Libano mentre ci sono numerose testimonianze di come gli aerei occidentali ben lungi dal combatterlo lo stanno in realtà rifornendo laddove (in Iraq ad esempio) non possono ricevere sufficiente aiuto via terra essendo la frontiera con la Turchia sigillata dalle forze governative. Questa è la realtà che un sistema mediatico che fa parte integrante del sistema capital imperialista non permette di diffondere adeguatamente.


  • Giulio Montenero

    Verissimo! L’Isis è un’invenzione delle grandi democrazie occidentali
    Il nostro compito è di combattere la necessaria battaglia contro la disinformazione,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *