Menu

13-14 aprile: due giornate di mobilitazione per il diritto alla casa

472 visualizzazioni

Mercoledì 13 e giovedì 14 aprile saranno giornate di mobilitazione per il diritto alla casa.
Dopo giorni di presidio sotto l’assessorato alla Casa capitolino e la sede della Giunta regionale del Lazio, i movimenti romani per il diritto all’abitare, gli inquilini resistenti degli enti privatizzati, gli abitanti degli alloggi Ater e del Comune di Roma, organizzati con AS.I.A./USB, il 13 aprile saranno sotto le finestre del Ministero delle Infrastrutture, dove si incontreranno il ministro Matteoli, il sindaco Alemanno e la governatrice Polverini.

“Finalmente, dopo tante pressioni esercitate dai movimenti, si concretizza un tavolo fondamentale per programmare politiche abitative in grado di affrontare l’emergenza diffusa”, dichiara Angelo Fascetti dell’AS.I.A./USB. “Riteniamo che questo sia il luogo del confronto utile sulle risorse pubbliche da investire e sulle misure necessarie contro gli sfratti, le dismissioni, la tutela del patrimonio pubblico, il rilancio dell’edilizia residenziale sovvenzionata”.

“A questo tavolo mancano però i diretti interessati – sottolinea Fascetti – per questo la mobilitazione sarà numerose e decisa. Intendiamo essere ricevuti dai rappresentanti del Governo e degli Enti locali perché riteniamo sia loro dovere allargare il confronto con i movimenti che da tempo sono quotidianamente impegnati sul fronte della precarietà alloggiativa. Confidiamo nella attenzione finora dimostrata per avviare processi positivi, sia nell’ascolto delle nostre ragioni sia nelle soluzioni da trovare”, conclude il rappresentante AS.I.A./USB.

Le iniziative proseguiranno il 14 aprile, giornata di mobilitazione nazionale per il diritto all’abitare. A Roma come a Milano, a Bologna, e in altre città d’Italia si svolgeranno iniziative in difesa del patrimonio abitativo pubblico e per la moratoria degli sfratti, degli sgomberi, dei pignoramenti, del caro affitti, delle dismissioni selvagge, contro una gestione privatistica e corrotta della cosa pubblica.

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *