Menu

Referendum contro la Ue anche in Italia

489 visualizzazioni

Tutti gli indicatori confermano che le ricette indicate dall’Unione Europea e dalla Bce come soluzione alla crisi stanno aggravando la situazione. Le misure antipopolari annunciate dal governo italiano su pressione delle istituzioni europee hanno collezionato una serie di reazioni pesantissime sotto ogni punto di vista: aumento dello spread sui titoli di stato italiani, crollo delle borse, aumento dell’inflazione, aumento della disoccupazione. “Le misure indicate dalla Bce sul rientro dal debito non sono la cura ma la malattia” affermano gli attivisti del Coordinamento “No debito”. “I governi che le accettano sono una minaccia per le sorti dei lavoratori, dei disoccupati, dei pensionati e della stessa democrazia”.

Il Coordinamento “No debito” – nato a Roma il 1 ottobre scorso – valuta importante la strada scelta dalla Grecia di procedere ad un referendum popolare e democratico contro le misure imposte dall’Unione Europea e ritiene che l’Italia debba fare altrettanto prima di attuare qualsiasi manovra suicida imposta dalla Bce e dall’Unione Europea.

A tale scopo è convocata per oggi 3 novembre, alle ore 12.30 una conferenza stampa del Coordinamento “No debito” nella sede del Rialto occupato in

via Sant’Ambrogio 4 a Roma.

Per maggiori informazioni consultate http://sites.google.com/site/appellodobbiamofermarli

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *