Menu

I Vigili del Fuoco assediano il Viminale

497 visualizzazioni


E’ stato sgomberato con la forza il blocco stradale attuato dai Vigili del Fuoco dell’USB, che questa mattina a Roma, dopo essersi riuniti in assemblea, hanno deciso di raggiungere in fila indiana la scalinata del Viminale, dove hanno attuato un presidio chiedendo un incontro con i responsabili politici del Ministero degli Intern
i.
“Il duro intervento delle forze dell’ordine, che hanno sgomberato a forza il blocco stradale malmenando e identificando alcuni dei pompieri, fa il paio con l’indifferenza ostentata questa mattina nei confronti delle sacrosante istanze di lavoratori a cui tutto il Paese riconosce stima ed affetto” denuncia la USB.
Questa mattina dopo una partecipatissima assemblea nella sede del comando dei Vigili del Fuoto di Roma, in via Genova 3/A, oltre 300 pompieri e delegati dell’ USB P.I. Vigili del Fuoco, in divisa e con i caschi, hanno prima dato vita ad una marcia di protesta snodatasi lungo via Nazionale,  e poi si sono diretti verso il Viminale occupando la scalinata del Ministero degli Interni.

 I Vigili del Fuoco brandiscono pannoloni “Pompier dry” e cateteri, come segno della loro indignazione per una riforma delle pensioni che li vuole costretti ad operare sui mezzi di soccorso a 62, 63, ed alcuni persino a 66 anni. I Vigili distribuiscono alla cittadinanza volantini in cui denunciano come una politica miope e criminale stia tagliando risorse in settori essenziali dello Stato come appunto i Vigili del Fuoco, negando una fondamentale prospettiva di sicurezza e futuro e privatizzando parte del servizio. “E’ sufficiente rammentare che i servizi di soccorso sono gestiti da 28.000 vigili di ruolo e da ben 55.000 precari” ci racconta Antonio Jiritano. “L’USB dei Vigili del Fuoco chiede dignità per i lavoratori e rispetto del ruolo dei vigili come fulcro di un moderno sistema di soccorso alla popolazione”. Il governo con il decreto approvato a maggio ha introdotto invece la privatizzazione dei servizi di soccorso. “Questo governo appare accecato dall’odio per tutto ciò che è pubblico, incluso un importante corpo dello Stato come i Vigili del Fuoco, a quali è stato fissato un incontro solo dopo aver atteso ore davanti a quello che è anche il loro luogo di lavoro, ovvero il ministero degli Interni, e dopo aver dovuto anche bloccare il traffico in via del Viminale”, è l’amaro commento di Paola Palmieri, dell’Esecutivo confederale USB. “Ma i Vigili del Fuoco non si faranno intimidire – conclude Palmieri – lunedì 22 l’USB VV.F. incontrerà il sottosegretario agli Interni Ferrara ponendo tematiche non più eludibili, per i lavoratori ma anche per tutta la cittadinanza, ed il 27 ottobre anche i Vigili del Fuoco dell’USB saranno in piazza per il No Monti Day”.

 

Qui di seguito il volantino distribuito dai Vigili del Fuoco

A TUTTI I CITTADINI
I VIGILI DEL FUOCO SCENDONO IN PIAZZA PER DIFENDERE LA SICUREZZA DEI CITTADINI: I SOCCORRITORI CHIEDONO DI ESSERE SOCCORSI

Immaginate una società moderna come la nostra senza quei servizi essenziali forniti dallo Stato? Immaginate il giorno nel quale chiamerete i Pompieri e nessuno vi risponderà?
Provateci anche solo per un istante e vi accorgerete del disagio che ognuno di noi può provare all’idea di non essere più assistiti, di non aver più diritto a quei servizi essenziali dati per scontati pagati con le nostre tasse.
Noi oltre che Vigili del Fuoco siamo cittadini come voi, vogliamo per le nostre famiglie le stesse garanzie di sicurezza e certezza del futuro che tutti si auspicano per se stessi e per gli altri.

Oggi una politica miope e criminale risparmia sulla pelle delle persone, negandoci quella fondamentale prospettiva di sicurezza e futuro, tagliando risorse in quei settori essenziali dello Stato, come appunto i Vigili del Fuoco. In Italia operano circa 30.000 Pompieri professionisti che ogni giorno soccorrono persone, spengono fuochi, salvano vite.

La maggior parte dei cittadini dà per scontata la nostra presenza sul territorio, sbagliando.

La maggior parte dei cittadini dà per scontata la presenza di mezzi per il soccorso, sbagliando

Professionalità, uomini e mezzi sono il fulcro della nostra protesta, sono anche il perno sul quale ruota il sistema di soccorso.

Cosa ne pensate dell’aumento dei distaccamenti volontari a discapito di quelli permanenti?

Cosa ne pensate della chiusura di presidi sul territorio per mancanza di uomini?

Cosa ne pensate di migliaia di Pompieri Precari, supplenti del soccorso?

Cosa ne pensate di mezzi che hanno 30 anni di anzianità sulle spalle e si fermano per strada?

Cosa ne pensate di comandi che hanno una sola squadra per coprire l’esigenze di intere città?

Cosa ne pensate di un Pompiere di oltre 60 o più anni che deve soccorrervi ?

Cosa ne pensate di un sistema di protezione civile che si basa sulle assicurazioni private?

Cosa ne pensate di decollare da aeroporti senza un presidio dei vigili del fuoco?

Cosa ne pensate della chiusura di nuclei ad alta specializzazione: elisoccorso,sub,nautici?

Cosa ne pensate di squadre senza un capo che le dirige?

Cosa ne pensate di un Paese che liberalizza la prevenzione incendi?

Roba da terzo mondo, ecco cosa dovreste pensare ed ecco quello che diciamo noi Vigili del Fuoco al Governo, poche chiacchiere e poche medaglie, vogliamo nuove assunzioni, pretendiamo maggiore formazione, mezzi adeguati, ambienti di lavoro decenti, il giusto riconoscimento della categoria usurante, passaggi di qualifica più rapidi, un equo aumento di stipendio.

Cittadini; ora lo sapete! esiste la possibilità di intervenire per cambiare le cose, vi INVITIAMO ad una assunzione di responsabilità per rimettere al centro della politica di questo paese il soccorso alle popolazione prima che sia troppo tardi e soprattutto prima che si perdano altre vite umane.

Friuli, Irpinia, Umbria, Sarno, Abruzzo, Emilia: NOI c’eravamo! Domani…… chissà!

Unione Sindacale di Base Vigili del Fuoco

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

4 Commenti


  • nicola coppeta

    dobbiamo sempre ringraziare la lega ed il sig. berlusconi


  • anna pluchino

    è vergognoso ciò che lo stato chiede al corpo dei vigili del fuoco.i politici privatizzino all’ interno della loro famiglia:tutte le privatizzazioni che hanno fatto hanno arrecato danni :vedesi l’aumento delle tariffe delle autostrade,l’aumento delle tariffe energetiche,l’aumento dei biglietti nei treni ec…sono in disaccordo anche per l’innalzamento dell’età pensionabile perchè il lavoro dei vvf è usurante,micca è” riposante” come quello dei politici che infatti rimangono in carica sino al momento delle loro “esequie” ,tanto sono sempre a riposo,e non hanno certamente la preoccupazione che i soldi della pensione siano insufficienti.lo stato assuma v.del fuoco vista l’insufficienza dell’organico ,ci sono tanti giovani ragazzi che hanno mostrato una grande preparazione nel superare difficili prove altamente selettive e che da 2 anni attendono d’essere chiamati (erano circa 12000 e sono stati selezionati circa 6800).é giusto quindi PRETENDERE d’essere ASCOLTATI.


  • angelo sacco

    sono proprio contento che i vigili del fuoco si facciano sentire ,mi spiace molto che il vostro lavoro silenzioso troppe volte non viene riconosciuto .
    continuate a lottare per fare assumere gente giovane , e giusto che a una certa età i pompieri non facciano più interventi ma sono contrario che vadano in pensione giovane e non curino la preparazione dei giovani ,dei mezzi , della prevenzione antincendio e di tanti corsi presso le scuole e aziende , se i più anziani non fanno questo presto lo stato troverà altre strade, buona fortuna da un ex collega ( non in pensione).


  • antonio vannacci

    HO TRASCORSO 40 DELLA MIA VIA VITA CON IL CORPO VV.F. GLI VOGLIO TROPPO BENE ma condanno chi ci ha venduto alla Prot. Civ. questi sono i risultati, più volontari e meno effettivi! Ringraziate i Sig. che hanno creduto iu un paese più evoluto con l’istituzione di un Dip. inutile, quando già esisteva un Corpo con precisi compiti istituzionali.
    L’ultimo atto vergognoso si è consumato con la consegna delle benemerenze del Terr. L’Aquila, con richiesta di E’…. per una medaglia, devono specula pure sui riconoscimenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *