Menu

Sciopero della logistica. La diretta

428 visualizzazioni

ore 15.30Mentre a Bologna l’assemblea al termine del corteo interno all’interporto si conclude tra gli applausi, ricordando che lo sciopero andrà avanti per tutto il giorno, ci arrivano ancora valutazioni positive sull’andamento della giornata di lotta: dal Veneto, da Settala, Brescia, Piacenza e da numerose altre località più o meno grandi d’Italia. Ad Ancona lo sciopero dei dipendenti di Bartolini ha visto punte di adesione del 100%, con gli operai che hanno interrotto l’attività produttiva dell’azienda ricorrendo ai picchetti. Stessa sorte toccata alle sedi di SDA e Bartolini a Roma: anche qui la partecipazione dei lavoratori è stata totale. La mobilitazione si è conclusa con un corteo interno nella zona dei depositi di Tiburtina. Al centro agroalimentare di Torino  (CAAT – Mercati Generali) dalle 2.30 di questa mattina un deciso gruppo di facchini blocca le forniture del fresco agroalimentare dirette ai supermercati. Sempre a Torino i corrieri ed i facchini della LOGIPI hanno scioperato.

ore 13:00 Veneto – Quello di oggi è il secondo sciopero che è riuscito a bloccare completamente la distribuzione: “ora è il momento di interrogarsi su come allargare questa vertenza e collegarsi con tutte lotte sul territorio nazionale”.

ore 12.30: Si è concluso il corteo all’Interporto di Bologna, mentre i lavoratori e le lavoratrici si stanno riunendo in assemblea. Nelle altre città, sembra proseguire lo sciopero tra assemblee e picchetti.

ore 12.00: Bologna il corteo all’interno dell’Interporto, sta andando a sanzionare le diverse aziende presenti al suo interno come la Gogefin, collegata alla Granarolo, Dhl e Bartolini. A Settala, l’assemblea ha sancito il successo dello sciopero di oggi che ha determinato un ulteriore avanzamento sul piano sindacale. In particolar modo, alla Dhl è stato riconosciuto al Si Cobas il diritto di svolgere assemblee retribuite in azienda.

ore 11:50 Settala (MI) – Appena terminata l’assemblea. Lo sciopero di oggi ha anche determinato un ulteriore avanzamento sul piano sindacale: alla DHL al Si Cobas è stato riconosiuto il diritto di svolgere assemblee retribuite, in azienda.

ore 11:30 Bologna
– Altissima adesione anche per questo sciopero a Bologna. Dopo i picchetti della prima mattina, è partito un corteo interno all’Interporto che è andato a sanzionare le varie aziende presenti che hanno lotte e vertenze aperte: Gogefin, collegata alla Granarolo, DHL e si muove verso le altre. L’agenzia giornalistica Agi riesce a scrivere “Disagi per i camion in entrata e uscita”; cme soffronto, quelle povere macchine a motore spento!

ore 11:00 Marcianise (CE)
– Alla Bartolini, dalle 8:00 primo momento di comunicazione coi lavoratori. La notizia dello sciopero è arrivata indirettamente, poichè le aziende e quindi i lavoratori, sapevano che probabilmente non sarebbero arrivate le merci dal Nord e che i camion saliti oggi avrebbero fatto un viaggio a vuoto. Un primo momento di approccio a una situazione lavorativa che in Campania ha una composizione di lavoratori molto diversa da quella finora riscontrata nel resto d’Italia. La comunicazione fatta ha fatto sì che i lavoratori si rendessero conto dei motivi reali del “gap” nelle consegne di oggi e domani e che in Italia ci sono altri lavoratori che si stanno muovendo per il miglioramento delle proprie condizioni lavorative. Denunciata l’assenza di qualsiasi forma sindacale.
ore 10:46 Settala (MI) – Assemblea dei lavoratori della DHL

10:30am: Il blocco dell’interproto di Bologna si è trasformato in corteo interno.

9:50am: A Bologna l’assemblea dei lavoratori in lotta ha deciso di lanciare un corteo che sta per partire ed attraverserà tutto l’interporto. A Piacenza gli operai di GLS,TNT ed altri appalti minori sono mobilitati dalle 5 di questa mattin adavanti al deposito generale di Ikea: il blocco è totale e continuerà per tutta la giornata. Seguiranno aggiornamenti.

9am: una lavoratrice della Grandi Salumi dell’interporto di Bologna spiega la ragione della sua partecipazione al blocco promosso dai facchini. “ci hanno licenziato in 15, quattro di noi erano in maternità!”. [Guarda il video del suo intervento al megafono]

8am: “Logistica razzista, lavoro da schiavista!”, e poi “sciopero, sciopero, sciopero!”. Il blocco all’interporto di Bologna si fa carico della rabbia dei facchini [ guarda il video dal picchetto ]. Gli interventi al microfono ricordano che il tempo dei soprusi e delle ingiustizie dei padroni è finito [ guarda il video con l’operaio che interviene al blocco ]. A Piacenza 400 facchini di TNT e GLS davanti all’Ikea bloccano gli ingressi della multinazionale. A Settala lo sciopero dei facchini dell’SDA è iniziato in anticipo, alle 23h, in solidarietà ad un facchino colpito da un provvedimento disciplinare.

La nebbia e le prime luci dell’alba, giu infondo si vedono le prime bandiere rosse Si.Cobas e dalle macchine escono gruppi di studenti e precari solidali. In alto il cartellone luminoso con scritto “INTERPORTO DI BOLOGNA”. I compagni e le compagne del Lab. Crash montano l’amplificazione e i gazebo. I primi tir vengono bloccati dai primi manifestanti. Oggi è sciopero del settore della logistica e i camion a Bologna come altrove non passano. Minuto dopo minuto il blocco si compatta e aumentano i partecipanti all’iniziativa. Mentre vi scriviamo siamo più di 500 e i facchini continuano ad arrivare all’appuntamento di lotta da tutte le aziende della provincia [guarda il primo video della giornata]. A Bologna l’adesione è del 100% alla TNT, SDA, DHL, Artoni, Arco, GLS, Bartolini. A Roma scioperano e picchettano i facchini di Bartolini ed SDA, ad Osimo la Bartolini, a Milano SDA e DHL, a Settala picchetti come all’interporto di Carpiano, a Peschiera Borromeo sciopero alla TNT, come a Brescia dove i facchini di TNT e Bartolini incrociano le braccia.

da Infoaut e ClashCityWorkers

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *