Menu

Licenziate Dolce & Gabbana: sciopero a oltranza e presidio in via dei Condotti

690 visualizzazioni
index

Iacovone (Usb): "Domenico Dolce e Stefano Gabbana, che vengano in via dei condotti a ritirare la firma da quei licenziamenti."

Sono arrivate le lettere di licenziamento alle lavoratrici Dolce & Gabbana del punto vendita di Fiumicino Aeroporto. Licenziate le donne costrette a prestare servizio all’indomani del terribile rogo di Fiumicino, nell’aerea compromessa dall’incendio.

«Sciopero immediato e a oltranza – attacca Francesco Iacovone dell’Esecutivo Nazionale USB Lavoro Privato – questa è l'unica risposta ad un simile abominio. Mamme licenziate senza pietà, nonostante le evidenti possibilità di ricollocamento a Fiumicino aeroporto e a Roma.»

«Da oggi comincia la mobilitazione – prosegue il rappresentante sindacale – che venerdì si sposterà nel centro di Roma, in via dei Condotti davanti la boutique della griffe. Perché il lusso di queste multinazionali è fatto sulla pelle dei lavoratori. E noi renderemo evidente a tutti quel è il suo prezzo.»

«Rinnoviamo il nostro appello ai due famosi stilisti, Domenico Dolce e Stefano Gabbana, che vengano in via dei Condotti a ritirare la firma da quei licenziamenti, perché noi andremo avanti ad oltranza e lotteremo con le unghie e con i denti per il diritto di quelle famiglie ad avere un lavoro e un reddito. »

Roma, 14 febbraio 2017

USB Lavoro Privato

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *