Menu

Caso Aldrovandi: amnistia amministrativa per i poliziotti. Una storia vergognosa

29772 visualizzazioni
202548916-27157927-534a-42e2-8c51-7ebc99a29d0c

Un articolo inviato alla redazione di SenzaSoste da Irene Carmassi sulla vicenda di Aldrovandi. I poliziotti che uccisero Aldrovandi beneficiati dalla Finanziaria La Corte dei Conti d'appello ha riconosciuto agli agenti pregiudicati l'indulto amministrativo. Unica incombenza per i poliziotti: pagare i 128 euro di giudizio.

Il giorno 3 febbraio 2017 è stato riconosciuto l’indulto amministrativo verso i quattro poliziotti che uccisero Federico Aldrovandi. Lo sconto sulla pena dei quattro agenti, era stato richiesto precedentemente da Eugenio Pini, avvocati difensore di Monica Segatto.

Ma facciamo un breve passo indietro nell’omicidio di Federico Aldrovandi. Molti, sicuramente i più, conosceranno la storia di quel giovane ragazzo che il giorno 25 settembre 2005 alle 5 del mattino, tornando a casa dopo una serata al Link di Bologna, incontrò in via Ippodromo di Ferrara quattro agenti delle forze dell’ordine: Paolo Forlani, Monica Segatto , Enzo Pontani e Luca Pollastri.

Luca Pollastri e Enzo Pontani, Alfa 3, furono i primi ad arrivare in via Ippodromo ed a iniziare la colluttazione col giovane Federico. Paolo Forlani e Monica Segatto, Alfa 2, furono il rinforzo, richiesto dalla prima pattuglia in via Ippodromo.

Federico, come ricorda suo papà, Lino Giuliano Aldrovandi, durante la giornata “ Sulle note di Federico”, ne uscì con 54 lesioni in tutto il corpo, alcune devastanti nella parte anatomica genitale maschile e alla rottura del suo cuore per una forte compressione o per un forte colpo. Compressione o colpo derivanti dall’abuso su lui esercitato quella mattina, dai quattro agenti. I bulbi dei suoi capelli furono ritrovati all’interno del suo cappuccio e due manganelli della polizia furono ritrovati rotti .

All’inizio del suo caso, il silenzio echeggiò non solamente sulla stampa locale, ma pure sulla legge e sulla questura, non si aveva altro che silenzio. Fu grazie al blog, aperto dalla madre di Federico, che portò luce, anche di diversi programmi televisivi, sulla morte di Federico. Nei primi momenti la stampa locale parlò di un drogato, pericoloso a se stesso e agli altri, mentre la legge giocava a nascondino con il silenzio. Il silenzio contava, la legge si nascondeva. Ma le voci girano in fretta e Ferrara è una città piccola, dove si fa presto a capire .

Federico, nonostante la minima sostanza da lui assunta, come confermato dalle analisi e dall’autopsia, non poteva avere nessun tipo di alterazione e nessun tipo di violenza verso il prossimo. Era semplicemente seduto su una panchina . Federico era nel posto sbagliato nel momento sbagliato? Oppure erano nel posto sbagliato, nel momento sbagliato, in vesti sbagliate quattro “persone” che hanno determinato la fine per un ragazzo di 18 anni?

Verso la sua giovane vita sono state fatte accuse spietate, condanne e sentenze “era un drogato, fatti suoi … i genitori imparino a tenerlo a casa”, dicevano. Ma poi è emersa un’altra verità “L’abbiamo bastonato di brutto. Adesso non so, è mezzo morto…”. Ma di questo non se ne parlava.

La colluttazione durò mezz’ora, quaranta minuti. Federico, fra tutte quelle botte che piovevano , una dietro l’altra era ovviamente solo e cercava aiuto. Lo cercava urlando e opponendo tutta la sua forza per proteggere la sua vita.  “Basta, non respiro, basta!”. Il suo basta si alzava ad alta voce in quella via. E in quella via c’è chi scelse di girarsi nel piumone, chi scelse di vedere e poi testimoniare , e infine c’è chi scelse di accusare quella giovane vita. Perché si sa, omertà e paura vanno molto a braccetto.

Le telefonate, da parte degli agenti verso i soccorsi, partirono alle 06.04 (quando Federico già dava segni di incoscienza)  e le ambulanze arrivarono alle 06.15 e alle 06.18. Numerosi furono i tentativi di rianimazione ma purtroppo, nonostante le manovre di soccorso, la vita di Federico si era fermata in quella via con ” le mani ammanettate dietro la schiena, prono riverso a terra”, come dichiarato da chi era in servizio sulle ambulanze. Non fu mai utilizzato dagli agenti il defibrillatore automatico in dotazione, perché come da loro affermato il ragazzo non dava segni di sofferenza.

Lunghi processi, accuse, querele, depistaggi ed omertà rendono la storia di Federico Aldrovandi una fine spietata, crudele e piena di violenza. Una violenza non voluta da chi, quella sera, decise di farsi un percorso a piedi, rientrando a casa con le sua amatissima musica. Ma bensì una fine dettata da chi invece quella notte svolgeva un ruolo, armato, di servizio pubblico. Di ordine pubblico, non di morte.

Dalle telefonate , e dalle registrazioni fatte quella mattina fra Questura e pattuglie sul posto, emergono strane conversazioni: “Dite che era solo e che è morto da solo”. Oppure, durante le mille telefonate dei suoi genitori per sentire Federico che ancora non era rientrato si scopre che il telefono del loro figlio, era stato lasciato sotto gli occhi di tutti gli agenti che erano in via Ippodromo.

Un telefono che squilla con due voci: mamma e Lino. Alla scritta mamma nessuno rispose, al nome Lino invece sì e, come emerge dai rintracciati, fu chiaro il no autoritario dettato da alcuni agenti “No! Il padre no!”.

Solamente molte ore dopo la morte di Federico, i genitori vengono informati che Federico, non c’era più. Federico era rimasto steso, sotto un lenzuolo bianco, fino alle 12 pomeridiane. Sul luogo venne chiamata anche la Digos ed in servizio vi era un caro amico della famiglia Aldrovandi. Amico che riconobbe subito Federico come figlio di Lino Aldrovandi. Ma questo Federico già lo aveva detto quella notte, mentre urlava: “Mi chiamo Federico!”. Enessun poliziotto che causò la sua morte si fermò, nemmeno difronte al suo nome. Si giustificarono per questo: “Pensavamo non fosse italiano”.  Come se questo potesse portare alla morte di un ragazzo, italiano o non.

Le lunghe sentenze portano ai quattro poliziotti, pene di tre anni e otto mesi. Che poi furono ridotte, attraverso l’indulto e mai scontate in maniera definitiva. Nel luglio del 2013 la corte di appello chiese per “danno erariale e danno di immagine” 467.000 euro a ogni poliziotto che quella mattina incontrò la giovane vita di Federico. Ma queste sentenze furono diminuite drasticamente , tanto che ad oggi i poliziotti devono pagare solamente i 128 euro di giudizio. 128 euro . Ecco che cosa rimane di quei 18 anni che invece volevano vivere.

Pestaggi e depistaggi , manganelli rotti , omertà, dolore e una vita spezzata che invece doveva vivere . Oggi la giustizia ha dato il permesso ad abusi di questo tipo ma a tutti quelli che si perpetuano nel nostro presente e che sono anche quelli di Carlo, Stefano, Marcello, Giuseppe, Franco e così via.  Un presente e una vita che doveva esser vissuta da tutti quei ragazzi, figli, persone come noi. In Italia stiamo lottando per ottenere il reato di tortura, ma nel frattempo ci soffermiamo di fronte a queste sentenze, difronte a questi articoli e difronte a queste accuse .

Federico era un ragazzo e come tutti i ragazzi doveva viversi la sua vita. La sua vita doveva esser vissuta e non doveva esser strappata via da quattro a-persone. Perché tolta la divisa rimangono persone (almeno dovrebbero) , Come ci ricorda l’avvocato difensore della famiglia Aldrovandi

Se una persona sta male si chiama un’ambulanza, non un rinforzo. Un rinforzo, rinforza con la forza“.

Federico in ogni caso era seduto su quella panchina, senza far del male a nessuno. E purtroppo ce ne sono troppi di questi casi. Giustamente, ci  interroghiamo su una mala polizia. Ma semplicemente dobbiamo interrogarci sul perché fattori del genere avvengono, sul perché la legge fatica a rendere giustizia all’ingiustizia subita. Dobbiamo interrogarci e lottare affinchè questi abomini siano strappati dalle nostre vie e dai nostri corpi, perché Federico alla fine siamo tutti noi. L’ingiustizia verso uno è l’ingiustizia verso tutti, ma l’unica giustizia possibile è di render possibile un cambiamento radicale e totale, condannando questi atti, pretendendo nuove leggi e pene severe per questi omicidi. Questo per formulare, nel concreto, quella bellissima frase: “Mai più”. Ma per far sì che sia mai più bisogna lottare affinché non ci siano più possibilità di farlo avvenire , e affinché quello che di disumano è avvenuto.. possa solamente portare silenzio, nei confronti di così tanto dolore.

Purtroppo ci ritroviamo difronte non solamente ad una malapolizia, ma ad una malalegge e ad una malapolitica, una malaItalia, che deve esser cambiata radicalmente.

Porteremo avanti il nome di chi ha subito questi abusi, difendendolo da chi ha sottratto loro la gioia più bella: poter vivere.

 

Qui sotto il Il docufilm su Federico Aldrovandi, “E’ stato morto un ragazzo”.

aldrovandi-2-2

25 settembre 2005,una serata tranquilla, ci siamo divertiti…

Insomma, il concerto è stato annullato, io mi sono bevuto due birre, ho assunto qualcosina ma la serata non è un gran che. Sono qui con i miei amici.. e questo già la rende perfetta. Insomma sì la serata è andata bene. Adesso però mi sono preso un momento per me,  l’introspezione sai com’è …io la amo.

Sono qui, seduto su questa panchina, gli alberi mi sembrano un soffitto. Un soffitto che mi protegge. Vedo tante luci e disconnessione intorno a me . Vedo luci e forme bellissime, io sono felice. Stavo camminando per tornare a casa ma poi questa panchina mi ha chiamato. insomma è la mia panchina. Mi siedo qui e penso, penso ad un mondo che voglio

Cos’è quella?

Quella luce sembra meno illusoria rispetto le altre, è vera e qualcuno viene verso me. E’ vera. E’ troppo vera, per questo mi rifugio nel mio mondo. Perché la realtà di oggi ammazza.

Ma cosa vogliono ora?.

Sì, sono qui seduto…”

Come ti chiami?”

Federico“

Documenti?”

Li ho lasciati a casa…”

E poi non ricordo bene, giù botte, io ve lo giuro. Ho provato a difendermi con tutto me stesso.  Ma loro erano in quattro, e io ero solo. Tante persone abitano nelle case intorno a me, molti hanno sicuramente paura.

La paura ammazza, già da vivi. Ma  nessuno che si alza e corre a difendermi…

Io sono solo…

Io sono Federico, e ve lo ripeto insieme al mio “basta!“ Io, sono Federico…e i morti siete voi.

Io, invece, mi chiamo Irene, non sono una giornalista, sono una foto reporter, generalmente fotografo e basta. Con leggi, numeri e soldi non mi oriento molto bene. Non sono bravissima a scrivere articoli, diciamo che mi perdo nello scrivere pensieri.

E il mio pensiero va a chi è stato privato ancora una volta di poter vivere per colpa di qualcuno che, autorizzato, ha potuto abusare della sua posizione così tanto fino ad uccidere giovani vite.

La storia di Federico  Aldrovandi è una delle tante storie italiane piene di menzogne e omertà, ma noi siamo qui che con tutte le nostre forme urliamo e pretendiamo solo una cosa: verità e giustizia.

Sarò sempre a fianco della famiglia Aldrovandi, come a fianco di tutte quelle altre famiglie che sono state private ingiustamente, da dinamiche di potere e di abuso di divisa, dei propri padri, figli, fratelli, dei propri amici.

Aldro vive.

Inviato a Senza Soste da Irene Carmassi

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • Daniele

    Le responsabilità del PD, nuovo PNF, sono lampanti, solo l'annientamento della mafia PDCGILCISLUIL porà ridare qualche speranza al nostro martoriato Paese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *