Menu

Ehi, bisogna ri-salvare le banche!

458 visualizzazioni

Sono sette anni che ci si gira intorno: se c’è una crisi finanziaria, sul banco d’accusa andrebbero messe le banche. Che invece hanno preteso e ottenuto aiuti inenarrabili (solo in Europa per 4.000 miliardi), senza peraltro risolvere quasi nessuno dei problemi che le attanagliano. Se quelle cifre fossero state investite nell’economia reale… (pensano i keynesiani).

Ma molti di quei problemi si chiamano “sofferenze”, ovvero crediti “inesigibili”, o di “dubbio realizzo”, insomma prestiti erogati alle imprese e ormai da classificare tra le perdite più o meno certe.

Intorno al capezzale del malato (in molti casi terminale) si affollano in tanti, a cominciare ovviamente dalla Bce. La quale, tra l’altro, ha da quest’anno la responsabilità di “sorveglianza” del sistema bancario continentale e dal 1 novembre gestirà il Meccanismo unico di supervisione (Ssm). E anche qualche idea su cosa fare…

L’idea principale è crudele ma giusta, infondo: chi non ce la fa – tra le banche – deve morire. Non si può leggere altrimenti il discorso fatto ieri da Mario Draghi mentre riceveva il premio intitolato a Joseph Schumpeter. «Incoraggiando la distruzione creativa nel settore bancario, possiamo agevolare la distruzione creativa nell’economia in generale e sostenere la ripresa».

Nessuno degli astanti ha tremato, ma forse noi dovremmo preccuparci molto di più. I presenti, in fondo, erano banchieri e tecnocrati dell’Unione Europea. Per loro il problema si pone in modo molto “asettico”. Una banca che non ce la fa, viene lasciata fallire; il personale licenziato (nessuna banca sta veramente bene, quindi nessuna assumerà i licenziati altrui), le sedi chiuse, gli amministratori riciclati altrove (in altri consigli di amministrazione o addirittura nella stessa tecnocrazia europea). Se una banca ha invece solo “troppe sofferenze”, ma buoni fondamentali, si potrà lasciarla vivere “distruggendo creativamente” una parte delle sue attività Come ha spiegato lo stesso Draghi: «Facendo pulizia e riparando i bilanci delle banche, creiamo le condizioni necessarie perché le risorse tornino a scorrere verso le quelle aziende che le usano nel modo più produttivo».

Ma come si fanno “le pulizie” nei bilanci di una banca? In Italia come altrove si è già cominciato a recintare delle “bad bank”, istituti “di scopo” desrtinati a morire trascinando con sé le perdite della banca-madre che si vuol salvare. L’idea piace anche alle banche centrali, come si è visto, e quindi si può fare.

I profani potrebbero chiedere: ma come, si possono tranquillamente parcheggiare le perdite su un conto fantasma e poi andarsene? Sì, in qualche misura, se intervengono “risorse pubbliche”. È infatti comunque necessario proteggere correntisti, investitori, gente che aveva puntato i propri soldi su determinate attività e che quindi va in qualche modo risarcita. E chi la risarcisce? Non certo la “bad bank”, che non ha letteramente un soldo, ma solo debiti. Deve farlo “il pubblico”, lo Stato, la fiscalità generale. Insomma: noi, coi nostri pochi soldini.

 

Ecco perché “gli astanti” davanti a Draghi possono applaudirlo mentre noi dovremmo corrergli dietro…

Non basta. La seconda frase del presidente della Bce è tanto consequenziale quanto raccapricciante:

«Incoraggiando la distruzione creativa nel settore bancario, possiamo agevolare la distruzione creativa nell’economia in generale e sostenere la ripresa». Leggete bene una seconda volta: “agevolare la distruzione creativa dell’economia in generale”. Quando, da marxisti, parliamo di “crisi di sovraproduzione del capitale” (“del capitale”, non solo delle “merci”; quindi sia di capitale finanziario che di “capitale fisso” – macchinari, stabilimenti, impianti, ecc – ma anche di “capitale variabile”, ovvero persone fisiche, in carne e ossa, lavoratori che diventano disoccupati e non riescono più a vivere), vediamo spesso sollevare gli occhi al cielo e alzarsi un fumetto sulla testa di diversi interlocutori “oh, no! di nuovo con il marxismo…”. Se invece lo fa il presidente della Bce è normale economia capitalistica, vero? Come se Marx avesse individuato le leggi di funzionamento di qualcosa che non era il capitale realmente esistente…

Se dobbiamo dunque prestar fede alle parole di Draghi – e non abbiamo motivo di dubitarne – il piano è il seguente:

– lasciamo fallire un po’ di banche

  • – “ripuliamo quelle che possono sopravvivere addebitando al debito pubblico le perdite da risarcire
  • – facciamo così anche chiudere un bel po’ di aziende “non competitive”, che non ce la fanno a stare sul mercato senza aiuti
  • – provochiamo quindi di riflesso un bel po’ di disoccupazione aggiuntiva, che contribuisce ipso facto a tener basso il costo del lavoro e i livelli salariali

 

… e il gioco è fatto” Si ricomincia ad accumulare profitto. Pardon, a “crescere”.

Tropo semplificato? Lo ammettiamo, certamente. Era necessario per farsi capire, superando tecnicismi e “complessificazioni” che fanno perdere di vista la direzione di marcia di un discorso. Ma se dobbiamo dar retta anche alle osservazione di altri commentatori (vedi l’allegato dal Corriere della sera, qui sotto) non ci sembra di essere andati troppo lontani dalla verità.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *