Menu

Verona. Referendum, analisi di prospettiva dopo la vittoria del No

608 visualizzazioni

Nell’incontro pubblico organizzato a Verona lo scorso 3 marzo dal Fronte Popolare, al quale hanno partecipato le forze progressiste che hanno concorso alla vittoria del NO, sono emerse diverse indicazioni di prospettiva.

Mentre l’esponente del M5s, on. Francesca Businarolo, ha sostenuto la necessità di un’alternativa politica all’attuale governo, l’esponente di Left, Maurizio Tiano, ha insistito sul superamento del leaderismo politico a sinistra e sull’importanza del prossimo referendum abrogativo dei voucher. Il Fronte Popolare Verona, rappresentato da Giorgio Lonardi, sottolineando la valenza del NO sociale nella vittoria del 4 dicembre, ritiene fondamentale, invece, proseguire sulla via della riaffermazione della sovranità popolare e dei diritti sociali, ricostruendo un blocco delle classi popolari, in grado di contrapporsi ai diktat della Troika e della finanza internazionale, ispiratrici della controriforma. Questo sarà possibile nella misura in cui si riporterà al centro la questione del voto, inteso come espressione di antagonismo di interessi e non di opinioni, e se si terrà conto del fatto che il primo nemico delle classi subalterne è l’Unione Europea, costruzione politica del capitale.

Giorgio Cremaschi, per Eurostop, ritiene che una riaffermazione dei diritti democratici e sociali sia possibile solo combattendo per l'uscita dalla UE, espressione del capitale finanziario, che ha imposto al Parlamento italiano il pareggio di bilancio in Costituzione con la modifica dell’articolo 81. Una proposta concreta avanzata dallo stesso Cremaschi consiste nell’indizione di un referendum abrogativo del succitato articolo che impedisce ogni forma di spesa pubblica, anche in situazioni d’emergenza, come accaduto per il recente terremoto in Italia centrale. Uscire dal polo imperialistico europeo e dalla morsa guerrafondaia della NATO è precondizione e tappa obbligata per il recupero di un’autentica sovranità democratica.

Inutili, afferma infine Cremaschi, gli infiniti tentativi di rilancio della Sinistra senza mettere al centro della discussione questioni fondamentali, quali l’uscita dalla UE, dall’Euro e dalla NATO.

Qui sotto il video:

Schermata del 2017-03-06 20-29-24

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *