Menu

Lentini. Un Primo Maggio contro la nuova discarica

395 visualizzazioni

Su una popolazione di 24.085 abitanti (01/01/2016 – Istat), nel territorio di Lentini, comune della zona nord della provincia di Siracusa – territorio incastrato tra il polo petrolchimico industriale di Melilli-Augusta, la discarica di Grotte San Giorgio (una delle più grandi della Sicilia) e il probabile inceneritore di Motta Sant'Anastasia – c'è un malato di tumore ogni 37 abitanti (dato dell’ "Osservatorio permanente sulla tutela della salute e del territorio"), e il primato di leucemie infantili (il 30% in più dell’intera provincia di Siracusa).

Al disastro ambientale e all'altissimo tasso di malati di tumore, si aggiunge l'alto tasso di disoccupazione e di emigrazione: Lentini registra oltre 5400 disoccupati ufficiali e una vera e propria diaspora, di giovani e meno giovani. In questo drammatico contesto s' inserisce il progetto di discarica nella zona di Armicci, per "rifiuti speciali non pericolosi", presentato dall'azienda privata "Pastorino srl", vergognosamente autorizzato dal governo Crocetta e dalla Sovrintendenza aretusea.

L'area scelta per la discarica è localizzata a ridosso di una zona archeologica vincolata, che si estende fra distese di aranceti nei pressi del lago del Biviere, dichiarato ZPS (Zona di Protezione Speciale). La Federazione di Catania dell'USB, nell'esprimere il proprio sostegno alle popolazioni del siracusano impegnate nella lotta contro l'apertura della discarica di Armicci – che dovrebbe "ospitare" circa un milione e mezzo di tonnellate di "rifiuti speciali non pericolosi" – aderisce alla mobilitazione contro la discarica e partecipa, in occasione della festa dei lavoratori, a Lentini, al "Primo Maggio dei Territori ".

USB c'è! No alla discarica di Armicci. No all’ampliamento delle discariche. No alla gestione privata delle discariche.
 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *