Menu

Roma. Ancora uno sfratto per la truffa dei Piani di Zona. L’assessore arriva in ritardo

723 visualizzazioni

Nonostante la società San Paolo sia sotto inchiesta da parte della magistratura romana per la truffa dei Piani di Zona e il Comune di Roma abbia chiesto da tempo alla Prefettura di fermare gli sfratti, questa mattina la polizia è intervenuta a Borghesiana per sfrattare Ivan uno dei tanti inquilini truffati, ai quali sono stati affittati alloggi sociali ai prezzi di mercato. L’ASIA è intervenuta per bloccare questo ennesimo episodio di ingiustizia, ma lo sfratto è stato comunque eseguito e un’altra famiglia è finita per strada.
Basta usare la forza a favore degli speculatori: si poteva evitare questa ennesima ingiustizia ai danni di chi è stato truffato dal diabolico meccanismo dei Piani di Zona, che per volume d’affari e intreccio di relazioni tra imprenditoria malata e politica fa impallidire il processo per Mafia Capitale. Invece la questura di Roma è voluta comunque intervenire per tutelare gli interessi della San Paolo Coop.
Un’altra famiglia va per strada, a fronte del tardivo e finora inefficace intervento dell’amministrazione Raggi. Perché il Comune interviene sempre in extremis e non prende il toro per le corna, mettendo fine a questo continuo stillicidio? Cordate di imprenditori e banche hanno fatto breccia anche dentro la nuova giunta? E’ un anno che l’Asia USB insieme all’avv. Vincenzo Perticaro denunciano questa situazione, le inchieste della magistratura si sono moltiplicate, la quantità di elementi di prova per fermare questa truffa è cresciuta a dismisura, eppure la Giunta Raggi continua a dimostrarsi timida e inconcludente.
Queste sono state lo domande poste all’assessore Montuori, arrivato in mattinata sul posto, insieme alla richiesta di presentazione alla magistratura di un’istanza di sequestro dell’alloggio sottoposto a sfratto.
L’intervento del Comune di Roma è fondamentale in Tribunale, intervento che dovrebbe avvenire attraverso l’avvocatura capitolina per impedire le esecuzione ti tali ingiustizie ed attraverso opposizioni finalizzate a tutelare gli inquilini, eppure ad oggi mai si sono presentati nelle aule di Tribunali dove moltissime volte gli inquilini si trovano a difendersi da soli senza l’intervento delle istituzione preposte al controllo tra i quali Comune e Regione.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • Daniele

    M5S = PD = Peste del ‘600

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *