Menu

Roma. Al fianco dei lavoratori dell’Atac, contro la privatizzazione dei servizi pubblici

922 visualizzazioni

La Carovana delle Periferie sarà in piazza del Campidoglio giovedi 7 settembre insieme ai lavoratori dell’Atac per riaffermare che i servizi devono rimanere pubblici e che la privatizzazione è dannosa sia per gli utenti che per chi ci lavora.

Giovedi il consiglio comunale discuterà delle sorti dell’Atac. Valutiamo negativamente l’ipotesi del concordato sui debiti dell’azienda perché significa che il Comune se ne lava le mani e affida ad un tribunale il destino dell’azienda che ha il compito di assicurare il trasporto pubblico a Roma.
La privatizzazione a cui puntano il Pd e i Radicali con il loro referendum è un inganno. Lo dicono i fatti. A Roma già da anni ci sono 111 linee di trasporti privatizzate e sono quelle che forniscono le periferie. I risultati sono stati disastrosi. Gli autobus in periferia non passano mai e i lavoratori della aziende private spesso rimangono senza stipendio. La privatizzazione ha fatto sì che il servizio di trasporto venga pagato a chilometro, motivo per cui pochi autobus fanno percorsi lunghissimi in molti quartieri e diradano le corse. In questo modo le aziende private prendono più soldi ma la gente delle periferie rimane per ore alle fermate in attesa dell’autobus.

Sosteniamo i lavoratori dell’Atac, fermiamo la privatizzazione dei servizi pubblici

Giovedi 7 settembre, ore 15.00 tutti in Campidoglio

Carovana delle Periferie

https://carovanaperiferie.wordpress.com/

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • federica novelli

    Ma si può sapere che volete? Siete contrari al concordato preventivo? Bene, voi che proponete per salvare l’Atac? Avete una proposta? La vorrei conoscere. Vi faccio notare che il M5S vuole fortemente che l’azienda sia e resti PUBBLICA, e questa del concordato sembra sia l’unica strada percorribile, una strada che a Livorno ha salvato l’azienda dei rifiuti, tutelando anche i posti di lavoro. Cosa vi rode che non riuscite a riconoscere alcun merito al M5S? Forse che loro sono riusciti laddove voi avete fallito? Fatevi un esamino di coscienza e una bella autocritica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *