Menu

Taranto. Contestarono Renzi, in 15 rinviati a giudizio

207 visualizzazioni

E’ cominciato ieri il processo per i 15 manifestanti denunciati per la contestazione contro Renzi del 29 luglio scorso a Taranto.

Non abbiamo nulla da cui “difenderci”! Trasformeremo il processo in un atto di accusa verso Renzi, il suo governo, il loro Stato, che era venuto a vantarsi di aver fatto “tanto per Taranto”, ma giustamente trovò la denuncia e la protesta degli operai Ilva, di tanti altri lavoratori, di donne dei quartieri inquinati, di giovani, dello Slai cobas sc che aveva chiamato quel giorno a manifestare uniti contro quella che era una provocazione e un ennesimo attacco per lavoratori e masse popolari di Taranto: 10 decreti solo per salvare i profitti di vecchi e nuovi padroni dell’Ilva, nessuna bonifica, nessuna difesa dei posti di lavoro e sicurezza all’Ilva; a questi nemici si aggiunsero i servi parlamentari, il “sempre in televisione”, Pelillo, che vuole mantenere ben salda la sua poltrona in parlamento calpestando i diritti fondamentali di lavoro e salute; questi il 29 pensava di fare il gradasso tra la gente, ma ebbe la dovuta risposta.

Questo processo deve trovare uniti i 15 denunciati, e avere il sostegno concreto, politico di tutte le realtà sociali, tutti coloro che il 29 c’erano e anche di quelli che non c’erano.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *