Menu

Veneto. Il Tar sentenzia che non si possono mettere sul lastrico i poveri non autosufficienti

14952 visualizzazioni

Con la sentenza n. 00715, depositata in data 20 luglio 2017, il Tar del Veneto ha emesso una sentenza inequivocabile! Non è legale, da parte dei comuni , prosciugare il conto in banca alle persone non autosufficienti o disabili ricoverate presso le strutture o nelle case di riposo, prima di concedere integrazione della quota parte alberghiera .

E’ l’ennesima sentenza che ribadisce il concetto stabilito dalla legge in vigore che regola i diritti di integrazione a favore di queste categorie di persone ,come previsto dalla Costituzione; tale sentenza spiega esattamente quanto stabilito dal decreto Isee ,ovvero i beni reddituali e patrimoniali sono parametri che servono per il calcolo della situazione economica equivalente e non possono essere considerati come vincolo che determina l’obbligo di pagare.

Quando l’Isee accertato dalle apposite istituzioni rimane sotto una certa soglia ,spetta un contributo per l’integrazione della retta e quindi non è legittimo il fatto di obbligare le famiglie a spendere tutti i loro risparmi, prima di accedere al diritto di essere curati e assistiti !

Il patrimonio e il reddito familiare sono già calcolati ai fini della certificazione Isee ,unico strumento attraverso il quale il comune potrà stabilire la forma di contributo; il fatto di avere accumulato dei risparmi,  non può determinare il diniego di un servizio previsto dalla legge !!

Non è più possibile rendere povera una famiglia con l’unica colpa di avere un disabile o non autosufficiente da assistere !

Dopo aver visionato i regolamenti dei maggiori comuni del Veneto orientale, nonostante un reddito isee inferiore alla soglia ,quindi nel pieno del diritto , è verosimile affermare che è concesso il necessario contributo ai disabili e non autosufficienti ,solo dopo avere esaurito il patrimonio immobiliare ,senza nemmeno precisare una soglia minima…

È ora di finirla ! Invitiamo gli amministratori e i Sindaci ad occuparsi di questioni come questa che riguardano direttamente i nostri anziani e le loro famiglie troppo spesso costretti a rinunciare alle necessarie forme di assistenza a causa delle mancanze istituzionali sia regionali che comunali.

  • segretario Pci del Veneto

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • Alberto D’Andrea

    Cari Compagni, volevo dire che non sono il segretario del PCI del Veneto , ma un militante della federazione di Venezia. Grazie per la pubblicazione!!!
    Alberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *