Menu

L’ultimo profugo

1180 visualizzazioni

Quando si parla a vanvera di profughi, migranti, rifugiati economici o politici… Bisognerebbe tacere un giorno.

Come l’Alex di Clockwork Orange si dovrebbe esser costretti a guardarli tutti in faccia.

O perlomeno a rivedere mille volte la sintesi terribile e sontuosa, l’omaggio quasi silenzioso offerto da Roger Waters.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *