Menu

Bologna, mense scolastiche: “non bastano le dimissioni dell’Ad di Seribo”

Questa Giunta sta mandando allo sfacelo un servizio cittadino fondamentale. 

La richiesta del sindaco Merola di azzerare il consiglio di amministrazione di Seribo la riteniamo un ottimo esempio del vecchio gioco politico dello scaricabarile e segue di pochi giorni il tentativo di incolpare gli stessi lavoratori. È evidente che questa amministrazione, peggio delle precedenti si è dimostrata non solo incompetente ma anche complice delle politiche aziendali della Seribo. 

Se si vuole rilanciare la qualità e l’efficienza di un servizio pubblico le responsabilità politiche vanno ricercate a partire da Palazzo D’Accursio: a dimettersi dovrebbero essere anche lo stesso sindaco come la stessa Giannini e Pillati, che stanno operando per la definitiva privatizzazione delle mense scolastiche. 

Dietro queste dichiarazioni Merola vuole farci credere che il Comune sarà in grado di garantire un servizio migliore facendo gestire totalmente da un privato le mense, quando non sono riusciti a garantirlo con una società mista: la soluzione è quella di tornare alla gestione diretta come lo era prima della creazione di Seribo, dove venivano garantite quantità e qualità richieste, una operazione possibile ma che va contro le politiche di privatizzazione di questa Giunta e del PD. 

p. Ross@ Bologna 

Tiziano Loreti

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.