Menu

Contro i tagli del Comune di Giugliano

Il comune di Giugliano in Campania con delibera di consiglio del 29.4.2016 contenente

-modifiche ed integrazioni al regolamento per l’istituzione e l’applicazione del tributo comunale sui rifiuti (TARI) approvato con delibera di consiglio comunale n.11 del 30.7.2015 –

apporta cambiamenti anche alle “agevolazioni” per la disabilità grave che in precedenza prevedeva:

riduzione del 50% per le utenze in cui è presente nella famiglia un portatore di handicap con invalidità del 100%, con un reddito annuo complessivo imponibile (termine soppresso), al lordo delle ritenute, inferiore a € 30.000,00-

Con il testo modificato:

-Riduzione del 50% per le utenze in cui è presente nella famiglia una persona alla quale sia stata

riconosciuta una invalidità civile al 100% o una inabilità al lavoro al 100% o l’indennità di

accompagnamento, a condizione che l’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) della

famiglia sia inferiore rispettivamente ad:

– euro 22.000,00 nel caso che l’invalido sia unico occupante;

– euro 16.012,00 per le famiglie composte da 2 persone compreso l’invalido;

– euro 13.764,00 per le famiglie composte da 3 persone compreso l’invalido;

– euro 12.569,00 per le famiglie composte da 4 persone compreso l’invalido;-

– euro 11.824,00 per le famiglie composte da 5 o più persone compreso l’invalido;

Osservazioni:

-Il Consiglio di Stato con sentenza di febbraio/2016 ai fini di prestazioni assistenziali a disabili avverso il Dpcm n.159 del 3 dicembre 2013 ribadisce:

conta solo il reddito personale disponibile.

-Non vi è alcuna normativa ai fini di agevolazioni sui tributi che vincola i comuni ad adottare strumenti di riferimenti quali l’ISEE. A meno di provvedimenti attuativi del Dpcm 159/2013 riferiti nello specifico alla tassa sulla spazzatura, che ne determinano la certezza del diritto ma che il Comune di Giugliano non ne contiene agli atti .

-D’altra parte la nuova tabella indicata dal comune–reddito/componenti familiari- non è correlativa allo stato di fatto reale. Il numeratore del nuovo quoziente Isee contempla oltre l’indicatore reddituale anche il reddito patrimoniale e il denominatore (SE scala di equivalenza) a sua volta non tiene conto della disabilità. Difatti dal semplice calcolo matematico si ha un innalzamente dell’Isee determinando una notevole esclusione. In altre parole a parità di reddito complessivo familiare (30.000 euro riferimento precedente) anche senza voler tenere conto della sentenza del consiglio di stato ( reddito personale disponibile ) il Comune di Giugliano limita fortemente la platea dei disabili per l’ accesso al “ beneficio” rispetto ai regolamenti delle passate amministrazioni.

  • Si evidenzia poi che non viene preso in considerazione la certificazione della disabilità grave. Legge 104/92 comma 3 art. 3. Certificazione che è deputata proprio ad indicare il grado della disabilità.

Il comune di Giugliano nei fatti a nostro avviso,fa una scelta precisa ai fini delle compatibilità di vincolo di bilancio tagliando la possibilità di accesso ai benefici a gran parte dei disabili, rispetto allo stato precedente.

In ogni caso non si tiene conto della sentenza del Consiglio di Stato che va ad incidere proprio sui criteri di formazione del “reddito disponibilie” a fini ISEE per i diversamente abili.

E seppur vero che il DPCM 159 risulti che non sia stato ancora modificato, tuttavia questo elemento – insieme alla mancanza del regolamento consiliare comunale attuativo che fissi criteri predeterminati adeguati alla realtà giuglianese cui far riferimento per le specifiche agevolazioni – è un elemento che si sarebbe dovuto tener presente per stabilire le fasce di esenzione /agevolazione per i diversamente abili che andrebbero elevate in attesa della prevista modifica normativa del citato DPCM.

Giugliano 12 maggio 2016

Disabili Giugliano

Associazione Disabili “Oltre le Mura”

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa
Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.