Menu

Colombia: il paese con il più alto numero di sfollati del mondo

Dal 2015, la Colombia è il paese con il numero di persone sfollate del mondo più alto avendo superato la Siria( che ha già raggiunto i 6.183.900) dopo oltre otto anni di guerra civile. Lo ha riferito l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) nel suo rapporto “Tendenze globali: sfollamenti forzati nel 2018”, che è stato pubblicato oggi.

Nel mondo, gli sfollamenti forzati sono aumentati tantissimo, durante lo scorso anno, in quanto il numero di sfollati ha raggiunto 41,3 milioni di persone, 1,3 milioni in più rispetto al 2017. Inoltre, è la cifra più alta riportata dal Centro di monitoraggio of Internal Displacement (IMDC), che dal 1998 documenta questo fenomeno in tutto il mondo.

In Colombia 7.816.500 persone sono fuggite dalla violenza. Un dato che supera quello della Repubblica Democratica del Congo, della Somalia, dell’Etiopia, della Nigeria e dello Yemen.

Nel 2018, secondo il documento, 118.200 colombiani hanno abbandonato le loro case in fuga dalla guerra. L’attenzione si concentra su Norte de Santander, Nariño, Antioquia e Chocó. In tutti e quattro i dipartimenti, il conflitto armato è continuato, nonostante l’abbandono delle armi da parte delle FARC che si  concluse a giugno 2017.

In quelle regioni del paese, diversi gruppi armati hanno intrapreso scontri per occupare gli spazi lasciati dalle FARC. Inoltre, l’UNHCR ha richiamato l’attenzione sulla situazione nelle zone di confine. Il problema dello sfollamento forzato è molto grave ai confini con Venezuela, Ecuador e Panama.

L’ UNHCR ha riferito che, nel 2018, non c’è stato nessun ritorno di persone sfollate ai loro luoghi di origine in Colombia. Una situazione che contrasta con paesi che presentano situazioni analoghe come l’Iraq, dove sono stati realizzati processi attraverso i quali quasi un milione di persone sono tornate alla loro terra.

Nell’ambito della “Giornata Mondiale del Rifugiato e degli sfollati” e al fine di dare visibilità al problema, Colombia 2020, con il sostegno dell’Ambasciata dell’Unione europea in Colombia, il Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) e l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) terrà Giovedì prossimo un incontro sul tema “Risposta all’aumento degli sfollamenti forzati” (precedenti iscrizioni sul sito Colombia 2020).

*da El Espectador del 19 giugno 2019

*****

In Colombia, lo spostamento forzato è ancora vivo ed è invisibile**

Dopo alcuni anni di declino, il numero dei colombiani che hanno dovuto lasciare le loro case in fuga dalla guerra è aumentato di nuovo. Secondo il Center for Internal Displacement Monitoring, 145.000 persone sono state sfollate in Colombia nel 2018. Questo dramma sarà oggetto del tavolo internazionale “Risposta all’aumento delle dislocazioni forzate“, che si terrà a Bogotà il 20 giugno prossimo.

Nel 2018, la migrazione forzata è aumentata in modo considerevole in Colombia. Tre sono le regioni principalmente coinvolte: Bajo Cauca, Catatumbo e il Pacifico.

All’inizio di giugno, i media hanno riferito lo spostamento di 427 indigeni Wounaan nella capitale municipale di Litoral del San Juan, a sud di Chocó . Gli indigeni Wounaan rimasero terrorizzati chiusi nel loro rifugio, a Pichimà, a malapena con quello che avevano, perché furono lasciati nel mezzo di una battaglia tra l’ELN e una frazione dissidente delle FARC.

L’immagine di centinaia di colombiani in fuga dalla guerra si è ripetuta migliaia di volte negli ultimi anni e le loro vittime lottano per sopravvivere in ambienti che sono loro estranei e, in molti casi, ostili.

Dopo alcuni anni di declino, le cifre di sfollamento forzato in Colombia sono aumentate nuovamente nel 2018. E’ quanto dimostrano i dati del Centro di Monitoraggio dello Sfollamento Interno, secondo il quale 145.000 colombiani hanno lasciato le loro case in fuga dalla guerra l’anno scorso. Questa cifra rappresenta un aumento rispetto a quello riportato nel 2017 in cui vi furono 139.000 sfollati. “Vediamo una chiara tendenza all’aumento”, afferma Christian Visnes, direttore in Colombia del Norwegian Refugee Council.

Ci sono tre regioni che sono preoccupanti per le organizzazioni che lavorano con gli sfollati: Bajo Cauca Antioquia, il Pacifico e Catatumbo (Norte de Santander). In queste tre regioni si stanno conducendo guerre diverse.

Nel primo, i gruppi paramilitari stanno combattendo su territori che sono la chiave per l’esportazione di droghe illecite; nel secondo ci sono state diverse dissociazioni dalle FARC e l’ELN ha combattuto per la difesa di territori insieme alle forze di autodifesa Gaitanista colombiane. La terza regione è stata vittima di due guerre dal marzo 2018.

L’anno scorso l’ELN e l’EPL hanno combattuto fino alla morte sui territori abbandonati dal 33° Fronte della FARC e lo scontro si è placato solo quest’anno;  Tuttavia, le autorità colombiane hanno attivato una Forza di rapido schieramento dell’esercito che ha alimentato gli scontri armati, soprattutto con gli Elenos. In questa zona di Norte de Santander il dislocamento è diminuito nel 2019, rispetto al 2018, ma la situazione dell’ordine pubblico continua a deteriorarsi.

Il direttore del Norwegian Refugee Council (Nrc)in Colombia, Christian Visnes, afferma che con la firma dell’Accordo di pace tra lo Stato e le FARC è stata data un’opportunità, perché un attore armato è scomparso e con ciò gli scontri armati sono divenuti sporadici. Tuttavia, questa opportunità è stata sprecata. “Quello che è successo è che lo Stato non ha preso il controllo del territorio e sono apparsi altri gruppi“, ha aggiunto. Ciò è dimostrato dal fatto che i centri di dislocamento si trovano in aree da dove le FARC sono andate via e diversi gruppi armati hanno preso possesso di quei territori. “La diagnosi è preoccupante”, completa Mauricio García, direttore in Colombia e America Latina del Servizio dei Gesuiti per i rifugiati.

Ma la presenza richiesta dalle regioni più colpite dal conflitto armato non è solo militare. Visnes insiste sul fatto che in quelle zone del paese non c’è accesso ai sistemi di educazione ed alla sanità. “Tutti i fattori che producono spostamenti forzati sono legati alla mancanza di protezione delle popolazioni dove ci sono gruppi armati non statali, che aumentano”, ha sottolineato. Tra le soluzioni agli sfollati proposte da Visnes figurano azioni di protezione volte a rafforzare l’istruzione, la salute, le infrastrutture e le opportunità economiche per le persone che vivono in territori in cui persiste il conflitto armato.“

“Si pensava che dopo il processo di pace con le FARC le autorità avrebbero avviato quel processo, ma ciò non è avvenuto” ha sottolineato Visnes.

In quelle situazioni di vulnerabilità e abbandono, c’è una realtà che gli sfollati stanno affrontando: l’invisibilità. “Il dislocamento interno in Colombia sta diventando invisibile”, afferma García. A quel punto hanno concordato con Visnes che la maggior parte dell’attenzione dello Stato si concentra sulla migrazione venezuelana, che ha raggiunto 1.300.000 persone dal paese vicino.  Visnes ha chiarito che “ per noi sono tutti gli esseri umani che soffrono hanno il diritto di cercare protezione o migliorare la loro situazione altrove”.

García denuncia che vi è uno smantellamento delle politiche statali di attenzione alle vittime di sfollamento in Colombia. Secondo lui, in diverse regioni del paese “si stanno iniziando a segnalare notevoli carenze di risorse” e che ”gli aiuti di emergenza e per il ritorno delle comunità nei luoghi di origine non sono mai stati attivati“ .

Al fine di dare visibilità al problema, molte organizzazioni si sono riunite, nell’ambito della “Giornata Mondiale del Rifugiato e degli sfollati” per sviluppare la risposta all’enorme incremento del fenomeno dello sfollamento forzato. L’appuntamento è a Bogotà il Giovedi 20 giugno al DoubleTree by Hilton Park 93 (Cra 11B # 96 – 59) albergo, l’ingresso è gratuito, ma previa registrazione (che può essere fatto su questo link ). L’evento ha il sostegno dell’Ambasciata dell’Unione europea in Colombia, del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) e dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR).

Se vogliamo avanzare nella costruzione della pace, dobbiamo prestare attenzione a questo tipo di problema“, sottolinea Garcia.

Il direttore del Norwegian Refugee Council (Nrc)in Colombia, Christian Visnes, ha richiamato l’attenzione sul fatto che gli sfollati “ sono persone che patiscono terribili sofferenze” e che, in Colombia, il problema raggiunge una dimensione superiore a quella della Siria. La Colombia è un paese che è stato impantanato in una guerra civile da oltre otto anni e che ha ora un triste primato mondiale nel numero di persone sfollate.

** da El Espectador del 17 giugno 2019


* ** Articoli originali al link: https://www.elespectador.com/

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.