Menu

Il sindacato della licenza di uccidere

Ci sembra il caso di riportare unicamente il testo dell’Ansa, senza i commenti che ognuno di voi saprà fare con altrettanta indignazione.

Circa cinque minuti di applausi e delegati in piedi alla sessione pomeridiana del Congresso nazionale del Sap, il sindacato autonomo di Polizia, per tre dei quattro agenti condannati in via definitiva per la morte del 18enne Federico Aldrovandi durante un controllo il 25 settembre del 2005 a Ferrara: Paolo Forlani, Luca Pollastri e Enzo Pontani.

I tre agenti presenti al congresso del Sap, sono stati condannati dalla Corte di Cassazione il 21 giugno del 2012 per eccesso colposo in omicidio colposo a tre anni e sei mesi, tre anni dei quali coperti dall’indulto. Oltre ai tre poliziotti presenti al congresso riminese, nel caso Aldrovandi era coinvolta anche un’altra poliziotta, Monica Segatto. I quattro hanno trascorso alcuni mesi in carcere.

“Mi si rivolta lo stomaco. E’ terrificante”, reagisce Patrizia Moretti, madre di Federico. “Cosa significa? Che si sostiene chi uccide un ragazzo in strada? Chi ammazza i nostri figli? E’ estremamente pericoloso”.

Il capo della polizia Alessandro Pansa aveva da poco lasciato la sala dopo aver parlato delle “nuove regole d’ingaggio” in ordine pubblico che si rendono necessarie dopo gli abusi documentati in occasione degli incidenti dello scorso 12 aprile a Roma.

#vialadivisa

Vedi anche:

https://contropiano.org/malapolizia/item/23669-polizia-di-stato-europeo

https://contropiano.org/politica/item/23653-la-pesante-aria-di-roma

https://contropiano.org/malapolizia/item/23673-magherini-ora-nove-indagati-per-omicidio

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • Alessandro

    Vili vigliacchi e ottusi!!! Conigli, che si fanno forti con una divisa e altri colleghi coglioni! E’ inutile nascondersi… Buona parte di quella categoria sono esaltati e frustrati!! Commettere atti violenti, non denunciare quando si assiste, applaudire in situazioni simili, per me tutta stessa merda!! Non hanno il diritto di difendermi! INFAMI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.