Menu

Una straordinaria giornata di lotta, contro l’Unione Europea e la fabbrica della paura

La risposta è stata adeguata alla posta in gioco, sia sul piano politico che della partecipazione. La manifestazione promossa da Eurostop e dai movimenti territoriali per il No Sociale è riuscita a cogliere due obiettivi importanti per il futuro. Da un lato ha spezzato il giochetto per cui o si sta con l’Unione Europea o si sta con la destra xenofoba, al contrario la manifestazione ha detto che c’è un movimento popolare, sindacale e antagonista in crescita che contesta frontalmente, seppur con declinazioni diverse, l’Unione Europea ritenendola irriformabile.  Dall’altro, nonostante un clima di terrorismo ossessivo e amplificato ogni oltre limite, migliaia di persone sono scese comunque in piazza e hanno dato vita e gestito un corteo popolare, pacifico ma autotutelato che è riuscito a raggiungere Piazza Bocca della Verità, a ridosso del Campidoglio dove si è tenuto il vertice dell’Unione Europea.

Una manifestazione niente affatto facile. In un quadrante del centro di Roma completamente circondato da migliaia di agenti di polizia e carabinieri, con torme di giornalisti, cameramen e fotografi pronti a gettarsi sulla prima vetrina infranta  per far quadrare il cerchio e consueto circo mediatico (ma rimasti a becco asciutto). Il corteo è partito intorno alle 15.45 per cercare di sbloccare il fermo di 150 manifestanti su tre pullman (uno dalla Val di Susa, due dal Veneto) durato invece fino a sera.

La manifestazione si è via via ingrossata, ha attraversato il popolare quartiere di Testaccio investito nei giorni  da un allarmismo ingiustificato, non tanto tra gli abitanti quanto tra i commercianti (chi ha chiuso bottega peggio per lui, chi ha tenuto aperto ha avuto un sacco di clienti), e poi ha imboccato Lungotevere Aventino per dirigersi a Piazza Bocca della Verità.

Arrivata in piazza però c’è stata una prima amara sorpresa. Via dei Cerchi che la Questura si era impegnata a mantenere libera per garantire il comizio e il deflusso dei manifestanti , era invece bloccata da poliziotti e blindati che a quale punto circondavano ogni via di accesso o uscita dalla piazza. Mentre si cercava di sbrogliare questo primo e rischioso imprevisto, sul Lungotevere Aventino qualche funzionario  di piazza ha perso lucidità facendo avanzare agenti, idranti e blindati verso  il corteo che stava ancora sfilando, di fatto spezzandolo in due. Motivazione ufficiale è che la seconda parte del corteo aveva rallentato. Quindi la polizia è avanzata in forze.  Una stupidaggine senza alcuna giustificazione che, questa sì, avrebbe potuto scatenare incidenti su Lungotevere. A quel punto una parte del corteo era bloccata davanti e didietro su Lungotevere.

La prima parte del corteo, circondata in Piazza Bocca della Verità si è attestata su via dei Cerchi in attesa che venisse sbloccata e fatta passare anche la seconda parte del corteo. Per almeno una, lunghissima, ora la situazione è parsa precipitare e poi stagnare. Alcuni esponenti di Eurostop avevano nel frattempo raggiunto i manifestanti rimasti bloccati dalla polizia annunciando che non si sarebbero mossi da lì (si sono seduti platealmente per terra) fino a quando non fosse consentito al secondo pezzo di corteo di ricongiungersi all’altro attestato su via dei Cerchi. Alla fine la situazione si è sbloccata e i due pezzi si sono ricomposti sfilando in corteo fino alla fine del Circo Massimo dove la manifestazione si è sciolta.

Nel frattempo una delegazione aveva raggiunto la caserma di polizia di Tor Cervara (dove c’è l’ufficio stranieri) dove erano ancora in stato di fermo i manifestanti bloccati con i pullman. Fioccano i fogli di via, una misura poliziesca ormai seminata a piene mani che impedisce la partecipazione a manifestazioni in altre città e riduce sempre più l’agibilità politica e costituzionale di centinaia di attivisti.

Alla luce di come sono andate le cose sembra proprio che qualcuno dovesse “pagare” per aver osato contestare il vertice dell’Unione Europea e aver così smascherato un dogma sopravvissuto fin troppo tempo.

La manifestazione di oggi ha dato una straordinaria dimostrazione di capacità politica e di maturità nella gestione di una giornata difficilissima.  Nelle prossime ore valutazioni politiche più ponderate e meno offuscate dalla stanchezza di una giornata tesa ma politicamente vincente.

 

Tutte le foto sono di Patrizia Cortellessa.

17499022_1647575638663327_8317415801986659614_n

17523535_1647575771996647_1135903657254444114_n

17424991_1647575891996635_6086017675239910179_n

17426404_1647577485329809_3798319318784041132_n

17499275_1647578355329722_4291934726009557958_n 17309654_1647575111996713_1871180869315792837_n

17505816_1647589038661987_422385634_n

17458359_1647216538699237_3740695305336091666_n 17264185_1647241628696728_6786589154712999442_n 17523621_1647230532031171_7000055463436353781_n 17457809_1647235535364004_1153436065536019559_n 17458317_1647248122029412_4547486587188701275_n 17522736_1647266308694260_6067263447772721899_n 17457815_1647274348693456_6356636653287021052_n 17458389_1647290302025194_1088661508824574062_n 17458201_1647294405358117_4839964274966689525_n 17499369_1647303052023919_4615086781146593777_n 17424727_1647344055353152_3715156653969714219_n

 

 

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • Daniele

    Ma pensa te! Perfino i poliziotti a cavallo hanno tirato fuori per dare spettacolo! Cosa non si farebbe per un quarto d'ora di gloria………

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.