Menu

“1984”, sta accadendo ora

39207 visualizzazioni

In “1984” Orwell ci raccontava di un mondo in cui la guerra era percepita dalla popolazione attraverso tre modalità:

1) le immagini sugli schermi cinematografici in cui si mostravano i combattimenti su fronti lontani;
2) le colonne di “prigionieri” che giungevano da quei fronti lontani:
3) le “bombe” che periodicamente esplodevano in città, ammazzando civili ignari.

Al posto degli schermi cinematografici, abbiamo i quotidiani TG.
Al posto delle colonne di “prigionieri”, abbiamo i profughi che giungono da quei fronti lontani.
Insieme alle bombe, abbiamo attentati suicidi, che uccidono civili ignari.

La guerra del mondo globalizzato, non passa più solo per le trincee di una volta, ma colpisce dove vuole, come vuole.

A combatterla non sono più solo gli eserciti, ma mercenari, fanatici e ognuno che abbia un po’ di odio e frustrazione da esprimere.

La guerra è un fatto costituente della società globalizzata, dove merci, capitali e esseri umani, si muovono sulla base di interessi, sollecitazioni e condizionamenti, privi di una relazione con un contesto sociale definito, e si scontrano sulla base di interessi apparentemente ignoti, lontani e incomprensibili.

La guerra è sempre, nelle società capitalistiche, la conseguenza di una necessità economica di distruzione di forze e potenzialità produttive.

Nessuna guerra si è mai conclusa grazie agli appelli alla pace.

L’unica volta in cui un popolo abbandonò le trincee e si rifiutò di combattere fu nel 1917 in Russia.

Ma il suo desiderio di pace, espressosi con una rivoluzione, fu fatto pagare con due anni di guerra civile.

La guerra quando inizia, non può finire che quando il processo distruttivo si è realizzato.

Quando si è in una guerra, non ci si può fare da parte… l’unica cosa che si può fare è cercare di cambiarne il corso… decidendo con coscienza, dove operare la necessaria distruzione.

Lo fecero i contadini e gli operai russi nel ’17, lo fecero i partigiani nel ’43.

Abbiamo anche noi qualcosa da distruggere, e non è la vita delle persone…

da Facebook

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

2 Commenti


  • serena

    L’odio di generazioni islamiche educate al rancore verso l’Occidente (odio in parte giustificato) non giustifica comunque questa reazione, e quando due ampie fazioni, l’una dedita all’interesse di pochi, l’altra succube del fanatismo religioso come scusa della loro cultura antiquata, impossibilitati a guadagnare civiltà e comportamenti a loro lontani anni luce, hanno determinato complessi di inferiorità, odio disumano con la scusa dell’America assassina, che ci protegge sotto lo stesso ombrello insanguinato, si erge un popolo o parte di esso a vendicatore, ma non è così, sia loro che noi sottostiamo a regole nuove di società fondate su interessi e speculazioni neppure in maniera tanto celata. Perchè allora uccidere? Noi siamo succubi dei disegni di prevaricazione come lo sono loro, l’errore è che si trincerano dietro Allah, mentre noi verso il buonismo e l’accoglienza, ma neppure un pizzico di ribellione verso i sistemi capitalistici, abbiamo sbagliato, le due culture non reagiscono allo stesso modo verso queste ingiustizie. La parte sana dell’occidente ha sottovalutato le implicazioni dell’Euro e della strategia dell’America e l’Isis ammazza noi. Dov’è la parte sana dell’Islam? Anche noi siamo inermi come loro.


  • Marconcio

    Questo è uno dei pareri meno pre-pensati che abbia mai letto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *