Menu

Il mondo della post-verità e due notizie (quasi) senza commento

898 visualizzazioni

La prima riguarda la tesi di Bill Gates sulla tassazione dei robot. Il suo ragionamento è stato questo: molta della disoccupazione nell’Occidente progredito dipende dalla sostituzione dei robot alle persone nei processi produttivi, nel mondo dei servizi alle imprese, nei media, nella pubblica amministrazione, nella sanità ecc. La rivoluzione robotica non è come la prima rivoluzione industriale, che distrusse milioni di posti di lavoro, ma che alla fine, sia pure dopo 150 anni, né creò molti di più e nuovi.

 

Che fare, dunque?

Bisogna tassare i robot, perché le entrate di uno stato sono le tasse, e senza redditi da tassare, uno stato non potrebbe esistere. Le tasse sui robot manterrebbero in vita lo stato, che potrebbe erogare redditi sotto varie forme, in pratica salvare il welfare che è rimasto e se possibile allargarlo. Finirebbe un’epoca e se ne aprirebbe un’altra, tutta da esplorare: finirebbe un’espressione con la quale abbiamo convissuto per secoli: redditi da lavoro.

Le teorie economiche dominanti ci hanno sempre detto che la scarsità di una merce ne costituisce fondamentalmente il valore: l’oro vale tanto perché è scarso; il lavoro (e il correlato reddito) vale di più se è scarso e vale di meno se è abbondante. Interi cicli economici potevano essere descritti con la scarsità o abbondanza di determinati fattori (energia, materie prime, forza lavoro).

Ma si trattava di scarsità e abbondanze relative, di un fattore rispetto a un altro, di una fase rispetto a un’altra, non assolute. La novità di Bill Gates sta tutta qui: la scarsità del lavoro è assoluta, non c’è più lavoro, lavorano i robot e i “lavoratori” sono senza lavoro, dunque tendenzialmente non sono più “lavoratori”.

Ma devono vivere.

E per vivere (che non significa sopravvivere), deve avere un reddito.

La tesi di Gates ha due facce: una produttiva o tecnologica, l’altra politica.

Vediamo questa seconda. Lo stato non può fare a meno delle tasse, non ha mai potuto farne a meno. Tassare i robot significa salvare lo stato, cioè le sue entrate. Che poi diventano redditi erogati agli ex lavoratori.

Leggiamo tra le righe: lo stato è indispensabile. Come indispensabile è quella che una volta si chiamava la “fabbrica”: questa per produrre la ricchezza, quello per distribuirla. La forma-stato, che viene da lontano, piantata nel cuore della modernità, non può deperire, come non può deperire la coeva forma-fabbrica della produzione.

L’ipotesi rivoluzionaria di Gates ha questo di antico: ogni cambiamento è possibile, ma dentro l’eternità delle forme della produzione e della politica.

 

La seconda grande notizia data in pasto al pubblico e subito rimossa e circoscritta agli specialisti del settore è che è stato scoperto a milioni di anni luce di distanza un sistema solare, molto simile al nostro, con sette satelliti, e con condizioni di vita molto probabili.

Un grande storico del Novecento lamentava che gli storici non avevano sempre dato la dovuta importanza allo spazio, che aveva sempre dato il primo posto al tempo, e li spronava ad integrare la geografia nella storia, a collocare eventi e fatti nella dimensione, non fisica, dello spazio-tempo.

D’altra parte, i geografi avevano fatto l’errore opposto, dando il primato allo spazio e dimenticando il tempo. Gli astronomi a caccia di pianeti sembrano i geografi del nostro tempo andato. Chi si proverà a rispondere alla loro scoperta, che possiamo tradurre nella formula “un altro universo è possibile?”.

Forse tutti, tranne gli storici, che lo riempirebbero delle nostre storie.

Per finire: le due notizie forse hanno qualcosa in comune. Se non altro sono esplorazioni, entrambe, del futuro. Con una sia pur provvisoria ipotesi alla base: un altro mondo è possibile.

 

Il mondo della post-verità.

Subito dopo l’elezione di Trump, quando tutti accusavano i pagatissimi specialisti di sondaggi elettorali per le loro erratissime previsioni, l’ineffabile Fukuyama ha scritto un articolo sulla post-verità. La moda del post non è ancora finita; dopo il mondo post-industriale, il mondo post-moderno, il mondo post-comunista, post-guerra fredda, è entrato, con Fukuyama nel mondo della post-verità. 

E chi meglio di lui, che aveva già scritto un saggio famosissimo sulla fine della storia, poteva illuminarci sulla fine del mondo della verità e la nascita del nuovo mondo della post-verità?

E’ sorto quasi all’improvviso “un mondo post-fattuale, in cui quasi tutte le fonti d’informazione autorevoli sono messe in discussione e contestate con notizie contrarie di dubbia qualità e provenienza” (Il Sole 24 ore, 5/3/2017).

Fine dei fatti, dunque, che quotidianamente ci dispensavano le fonti d’informazione autorevoli, belli o brutti che fossero.

Eravamo liberi di crederci o no, ma non potevamo mettere in discussione le fonti.

Invece, udite, udite: quel che non dovesse accadere, sono accadute.

Ed è pericolosissimo: afferma autorevolmente Fukuyama che la contestazione delle fonti autorevoli mette in pericolo la democrazia.

Qualcuno che ancora crede alla democrazia ha ribattuto che per battere le notizie false basta diffondere quelle vere: insomma il rovescio della legge di Gresham, secondo la quale la moneta cattiva scaccia quella buona.

Per Fukuyama non basta. Negli anni 90 internet e il web sembrarono una manna del cielo per la democrazia mondiale, continua il nostro, ma era una visione ottimistica, che non vedeva l’altra faccia della medaglia: l’uso rovesciato e manipolatorio che ne avrebbero fatto gli “stati autoritari e repressivi”: e, infatti, “il principale manipolatore dei social media è la Russia”, come si è visto durante la campagna elettorale americana.

Questo sì è parlar chiaro e vero.

Ma l’altro campione della manipolazione è proprio il presidente eletto, che – per giustificare i 2 milioni di voti in meno rispetto alla Clinton – è arrivato a dire che molti americani avevano votato illegalmente.

E molti gli hanno creduto.

E questo è ancora più grave. Perché le persone credono a bugie colossali?

Nel mondo precedente della verità noi credevamo in notizie e informazioni senza bisogno di capirle fino in fondo, senza esserne esperti.

Ma perché?

Il motivo era che in quel mondo “esistono delle istituzioni imparziali che hanno il compito di produrre (sic) elementi di fatto di cui ci fidiamo”.

Nel mondo della post-verità, che è il mondo di Trump, “ogni cosa è politicizzata”, c’è “un assalto a tutto campo contro le istituzioni democratiche”.

Gli USA, come si sa, vengono sempre prima: “Negli Stati Uniti c’è un degrado delle istituzioni, con potenti gruppi d’interesse in grado di proteggersi attraverso un finanziamento illimitato delle campagne elettorali”.

E prima no?

Forse Fukuyama non viveva in America.

Ormai, conclude sconsolato il nostro, gli americani pensano che tutte le istituzioni siano corrotte.

Così “la democrazia americana, la democrazia in generale (che per Fukuyama sono in fondo la stessa cosa) non sopravviverà alla mancanza di fiducia nella possibilità che esistano istituzioni imparziali: la lotta politica faziosa arriverà a pervadere ogni aspetto dell’esistenza”.

Mentre scriveva queste cose, Wikileaks faceva sapere al mondo della post-verità che l’autorevolissima Cia spiava tutti, ma proprio, tutti; quando telefonavamo, messaggiavamo, vedevamo la televisione o prendevamo una bottiglia di vino dal frigo.

Com’era verde la mia valle…

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • anton svoboda

    Interessante, ma più che Fukuyama, a questo punto mi rileggo il grande P.K. Dick che aveva descritto tutto il futuro che si prospetta nell'articolo: sconvolgimenti sociali, rapporto uomini-robot e fughe verso nuovi orizzonti interstellari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *