Menu

Primo Maggio a Istanbul: polizia contro i lavoratori, un morto

5517 visualizzazioni

Arresti, lacrimogeni, spray urticanti e cannoni ad acqua contro i manifestanti a Istanbul: la polizia turca è di nuovo intervenuta stamattina con estrema brutalità contro circa duecento persone – lavoratori, sindacalisti ed attivisti politici di varie formazioni curde e di sinistra – che cercavano di entrare in piazza Taksim, interdetta alle manifestazioni antigovernative da quando il Primo maggio del 1977 furono uccisi 34 attivisti di sinistra in quello che passò alla storia come «il massacro di Piazza Taksim».
Nel 1980 infatti la dittatura militare di estrema destra, salita al potere con un colpo di Stato, proibì le manifestazioni nella piazza. Il divieto fu rimosso dal governo solo nel 2009 e per pochi anni è stato permesso a centinaia di migliaia di persone di celebrare il Primo maggio a Taksim senza incidenti, ma nel 2013 il governo Erdogan è tornato a vietare le manifestazioni dei lavoratori e dei partiti progressisti.

Per l’ennesimo anno consecutivo la grande piazza al centro della metropoli sul Bosforo era stata vietata dalle autorità agli organizzatori della celebrazione del Primo Maggio che però hanno tentato di far entrare una delegazione di massa sulla grande spianata nella parte europea della città. Ma i manifestanti sono stati respinti con i cannoni ad acqua e i gas lacrimogeni.

istanbul1Un manifestante, Nail Mavus, di 57 anni, è stato colpito da un Toma, come vengono chiamati i mezzi blindati a bordo dei quali sono montati i cannoni ad acqua, che lo ha investito mentre tentava di entrare all’interno della piazza presidiata da migliaia di agenti in tenuta antisommossa ed in borghese, che si sono dedicati a picchiare i lavoratori e i sindacalisti e ad arrestarne un consistente numero. L’uomo è apparso subito in gravi condizioni ed è morto poco dopo il ricovero in ospedale.

Nella città sono schierati da questa mattina ben 25 mila agenti di diversi corpi di sicurezza per impedire le manifestazioni vietate e vigilare su quelle autorizzate solo a vari chilometri di distanza dal centro di Istanbul. La più importante delle manifestazioni organizzate dai sindacati è stata autorizzata dall’esecutivo solo nel distretto di Bakirkoy, nei pressi dell’aeroporto internazionale. Davanti a molte migliaia di persone, controllate a vista da 6000 agenti coadiuvati ma mezzi blindati, sono intervenuti il portavoce del sindacato Disk (Confederation of Progressive Trade Unions), quello del sindacato Kesk (Confederation of Public Sector Trade Unions) e il portavoce dell’Unione delle Camere degli Ingegneri e degli Architetti Turchi (TMMOB), le principali organizzazioni sindacali conflittuali del paese, sottoposti da anni ad una durissima repressione. Un gruppo di militanti del Partito Democratico dei Popoli (HDP) è stato attaccato e disperso a poca distanza dal raduno con i gas lacrimogeni.

Questa mattina un altro folto gruppo di dimostranti era stato bloccato dalla polizia nel centrale quartiere di Besiktas prima che riuscisse a partire diretto verso Piazza Taksim.

Per tutta la giornata la polizia ha realizzato posti di blocco e controlli a tappeto nei quartieri centrali della città alla ricerca di manifestanti. Tre persone che a bordo di un taxi avevano gridato slogan contro la repressione sono stati arrestati.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *