Menu

Milano. Dissidenti aggrediti dal servizio d’ordine in un’assemblea Cgil

424 visualizzazioni

In Cgil la dialettica interna si esprime ormai a spinte e botte. Stamattina, durante un’assemblea organizzata a Milano soltanto per le categorie i cui gruppi dirigenti si sono espressi senza riserve per il “sì” all’accordo del 10 gennaio sulla rappresentanza, un gruppo di delegati aderenti al documento congressuale alternativo “Il sindacato è un’altra cosa” – tra questi Giorgio Cremaschi, componente del Direttivo Nazionale – si è presentato volantinando le ragioni della propria opposizione. L’assemblea non prevedeva la presenza di quelle categorie apertamente contrarie (come la Fiom) all’accordo, né di quelle che hanno espresso “forti perplessità” (come pensionati, scuola e università, ecc).

Il servizio d’ordine ha prima bloccato all’esterno i “dissidenti”, poi tra qualche spinta e molta trattativa – tra l’altro Cremaschi, come dirigente nazionale, ha il diritto di partecipare a qualciasi assemblea della Cgil – sono stati fatti entrare.

Al termine della relazione introduttiva Nico Vox, delegato dell’istituto milanese “Don Gnocchi”, nel quale il documento alternativo ha vinto il congresso – quindi della Funzione Pubblica, perciò “avente diritto” a presenziare all’assemblea – ha chiesto di parlare per spiegare le ragioni del disaccordo prima della prevista raffica di dirigenti favorevoli “senza se e senza ma”.

A quel punto il gruppo di delegati critici è stato circondato dal servizio d’ordine, con Susanna Camusso a pochi metri di distanza, mentre dalla presidenza si inveiva gridando “avete altre sedi dove parlare, non qui”. Ad un certo punto la “pressione” è diventata un’aggressione vera e propria, con i delegati che sono stati letteralmente spintonati fuori dalla sala. Nico Vox ha riportato varie contusioni nella mischia rugbistica, mentre dal gruppo di delegati si gridava contro la “Corea del Nord” in cui si sarebbe a questo punto trasformata la Cgil.

“Noi contestiamo l’accordo sulla rappresentanza e abbiamo presentato un volantino in cui si ricorda che è il trentesimo anniversario del decreto di Bettino Craxi che abolì la scala mobile – spiega Cremaschi – Riteniamo che l’accordo del 10 gennaio sia altrettanto grave”. “A questa assemblea non è stata invitata la Fiom ed è un’assemblea assurda di coloro che sono per il sì. Volevamo che un nostro delegato potesse formalmente intervenire, hanno reagito con violenza fisica per impedire le nostre richieste di intervento”. “Anche la Camusso è responsabile perché è venuta da noi, le abbiamo chiesto di intervenire, ma non ha fatto nulla”.

Cremaschi ha subito dopo stigmatizzato l’”aggressione fisica e il clima di arbitrio” che si respira ormai nel sindacato di Corso Italia. Ha anche definito questa estromissione un “atto gravissimo, i primi effetti dell’accordo incostituzionale sulla rappresentanza sindacale”. Per la stessa affermazione Fabrizio Burattini – altro componenete “dissidente” del Direttivo Nazionale Cgil – è stato deferito ai probiviri (o come si chiamano ora…).

La democrazia, anche in Cgil, è ormai alle nostre spalle…

Il video: http://video.repubblica.it/edizione/milano/scontro-cgil-fiom-schiaffi-e-spintoni-all-incontro-con-camusso/155919/154414

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *