Menu

Roma. Poliziotto spara a posto di blocco. Anziano di 71 anni perde un occhio

11434 visualizzazioni
E' accaduto a Roma sulla via del Mare. La macchina è una vecchia 500, il guidatore è un anziano di 71 anni. Nonostante andasse a bassissima velocità, sembra che l'anziano non si sia fermato – o non si sia proprio accorto – della paletta alzata. Il poliziotto ha sparato ed ha colpito l'automobile. I vetri sono schizzati addosso al pensionato e gli hanno lesionato in modo irreparabile l'occhio.
"Ho visto un poliziotto con la paletta ma è stato un attimo, io andavo a 10 chilometri orari, lui mi ha colpito con quella paletta e poi ha sparato". Così raccnta in ospedale Il 71 Efisio Pilurzi che era alla guida della sua 500 storica, "appena riparata con affetto»" dice. "Io istintivamente ho alzato il braccio ma schegge e proiettile mi hanno investito, mi hanno ferito ovunque. – ripercorre quei secondi Efisio – Mi hanno operato stanotte e hanno dovuto asportare l’occhio sinistro". Diverse ferite sul braccio, sull’occhio e la testa sono visibili sul corpo di Efisio, steso nel suo letto all’ospedale Policlinico Umberto I.
"Non so perché abbia sparato, io andavo pianissimo, non ho capito di dovermi fermare" racconta ancora l’anziano. Le indagini sono state affidate alla polizia di Ostia: l’agente che ha esploso i due colpi appartiene Reparto volanti di Roma. Il sig. Efisio Pilurzi, pur invalidato gravemente, ha potuto raccontare come è andata. Centinaia di persone, a causa della Legge Reale e della facoltà concessa alle forze di polizia di sparare ai posti di blocco, non hanno avuto la stessa possibilità perchè sono rimaste uccise. Nessuno è mai stato condannato in tribunale per questo.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

3 Commenti


  • Francescro Serri

    Basterbbe introdurre il licenziamento anche per i dipendenti pubblici quando non sono in grado di svolgere il proprio lavoro.


  • Emanuele

    ……pur invalidato………………… gravidamente…………


    • Redazione Contropiano

      grazie per la segnazione del refuso…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *