Menu

Liberali, filo-euro, ma rifiutati. Il testo della svolta imposta da Grillo

6187 visualizzazioni
751653

Ultim'ora. Poco fa, nel tardo pomeriggio di oggi,  il capogruppo dell'Alde, Guy Verhofstadt, ha annunciato la rinuncia all'alleanza con il M5S.
"Sono arrivato alla conclusione che non ci sono sufficienti garanzie di portare avanti un'agenda comune per riformare l'Europa" ha dichiarato l'ex premier belga aggiungendo che "non c'è abbastanza terreno comune per procedere con la richiesta del Movimento 5 Stelle di unirsi al gruppo Alde. Rimangono differenze fondamentali sulle questioni europee chiave".

A quanto pare, il "sistema europeo" non ritiene sufficiente la semplice firma sotto un documento, visti i precedenti.

hbkjdfvofvdzfdz 

Il testo dell'accordo tra Beppe Grillo e Guy Verhofstadt, in doppia versione – italiano e inglese -, è quanto di più lontano si possa leggere dallo "spirito grillino". Del resto l'Alde (Alliance of Liberals and Democrats of Europe) è il gruppo parlamentare di Starsburgo più incolore, anonimo, privo di connotazioni effettivamente distinguibili dagli altri gruppi storici "istituzionali".

Al simil-referendum tenuto online, in tempi strettissimi, hanno partecipato 40.654 iscritti certificati, il 78,5% dei quali (poco più di 30.000 persone) ha approvato la scelta. Di cui peraltro non aveva mai sentito parlare fin quando non è stata messa ai voti. Poco tempo per pensarci (24 ore circa) per una collocazione europea che certamente non è mai stato il tema più discusso tra gli esponenti Cinque Stelle. Mentre è noto che gli elettori pentastellati erano stati tra l'altro attirati dalla retorica anti-Bruxelles e anti-euro imperante fino a qualche mese fa.

Non c'è solo la collocazione dentro il finto parlamento di Strasburgo (non si fanno leggi lì dentro) a motivare una scelta così sorprendente. C'è soprattutto la necessità di presentarsi al panorama politico continentale con i tratti ideologici di una forza "affidabile", molto meno "populista" di quanto affermato dai suoi nemici italiani. Insomma, meno somigliante nei toni e nella collocazione a Lepen e Salvini, e forse più in linea con la tradizione liberal-pannelliana.

La prospettiva di vincere le prossime elezioni politiche hanno dunque spinto il vecchio ex comico a cercare un profilo meno "estremo", meno "antisistema", per non doversi trovare di fronte -all'indomani della possibile vittoria –  lo stesso plotone di esecuzione che ha accolto la Grecia di Tsipras.

Una mossa comprensibile ma probabilmente suicida. Solo quell'insistito bagaglio "antisistema", condito sul piano pratico col rifiuto di alleanze politiche con qualsiasi altro partito, aveva in effetti persuaso quasi un terzo dell'elettorato a ritenere i Cinque Stelle un movimento "diverso", puro e opposti ai vecchi politicanti democristiani, socialdemocratici e – ovviamente – liberali. Reggerà questa immagine alla prova della "responsabilità" – subordinazione – di fronte ai diktat dell'unione Europea?

Improbabile, anche se certo a Grillo non manca la spregiudicatezza. L'adesione o no all'Unione Europea, l'accettazione piena o il rifiuto delle sue regole e trattati, oltre che della sua moneta unica, è del resto l'unico tema su cui si gioca il carattere "sovversivo" o meno di una forza politica. In Italia e in Europa. Passare dagli scombiccherati farfalloni dell'Ukip al grigio liberalismo strasburghese è perciò qualcosa di molto più serio di un semplice "cambio di settore" in un emiciclo privo di potere. E' un salto di barricata, tra chi cerca di rompere certe regole soffocanti e chi le accetta, sia pure per "riformarle".

Il testo di Grillo e Verhofstadt è un brodino semifreddo di frasi fatte, in stretto dialetto brussellese, pieno di frasi pindariche interpretabili molto liberamente. Ma una cosa, almeno, è chiarissima:

Troppi dei nostri cittadini vedono l'Unione europea come parte del problema, come una guida indiretta dietro la globalizzazione incontrollata che viene percepita come beneficio solo di alcuni. Mentre in realtà dovrebbe essere il contrario.

La sgrammaticatura logica è violenta: "i cittadini vedono l'Unione Europea come parte del problema", uno strumento che polarizza ricchezze ed esalta disuguaglianze. E non si dice neanche che si stiano sbagliando, in questa "visione", semplicemente "così non dovrebbe essere". E' così, insomma, ma "bisognerebbe cambiare" questo edificio.

Come? Con le "riforme".

Quali? Quelle contenute nei trattati. Ossia quelle che hanno creato l'attuale polarizzazione sociale nella crisi, impoverendo i poveri e arricchendo i ricchi.

Ma sarebbe inutile cercare di "inchiodare" il documento a una presa di posizione limpida (a parte l'europeismo e la difesa della moneta unica). La neolingua brussellese è fatta per scivolare nele orecchie e negli occhi senza lasciare traccia, un po' come fanno quei venditori porta-a-porta, di cui non riesci mai a capire cos'è che stanno vendendo, ma comunque sia sei tu che devi comprartelo.

Buona lettura…

*****

"Alde e il Movimento 5 Stelle (M5S) condividono i valori fondamentali di libertà, uguaglianza e trasparenza. Entrambi vediamo l'individuo come l'elemento centrale della società e al tempo stesso promuoviamo un'economia aperta, la solidarietà e la coesione sociale come presupposti per le persone a raggiungere il loro pieno potenziale.

Entrambi vogliamo rafforzare l'influenza dei cittadini sulle decisioni che li riguardano, anche attraverso lo sviluppo di meccanismi di democrazia diretta e per motivare le persone a partecipare e impegnarsi in politica.

Ancora più importante, siamo entrambi forze riformiste che vogliono cambiare radicalmente il modo in cui l'Unione europea funziona oggi. Ci impegniamo per una revisione fondamentale, perché l'Unione europea di oggi non è in grado di fornire i risultati che i cittadini si aspettano in termini di prosperità e di protezione, alimentando sfiducia e disillusione invece di costruire fiducia e impegno. Troppi dei nostri cittadini vedono l'Unione europea come parte del problema, come una guida indiretta dietro la globalizzazione incontrollata che viene percepita come beneficio solo di alcuni. Mentre in realtà dovrebbe essere il contrario. Crediamo che solo l'Unione europea abbia un peso sufficiente per sfruttare la globalizzazione, come una forza per il bene e per assicurare che i benefici siano condivisi da tutti. L'Unione europea deve essere il contrappeso democratico alle forze economiche della globalizzazione. Pertanto, vogliamo proporre riforme in settori chiave:

1. Il rinnovamento della democrazia europea

ALDE e M5S sostengono una Unione più democratica e trasparente. Entrambi vogliamo una Commissione europea ppiù efficace, più leggera, un Consiglio europeo riformato e un Parlamento europeo con più potere che si trovi su un piano di parità con il Consiglio. Entrambi crediamo che parte dei membri del Parlamento europeo dovrebbero essere eletti su base transnazionale come passo importante verso una vera democrazia europea. Vogliamo anche porre termine alla inefficace 'grande coalizione' che ha monopolizzato il potere e paralizzato l'Europa per troppo tempo. La strada da seguire è migliorare il coinvolgimento diretto dei cittadini nei processi democratici e aumentare la trasparenza, rendendo pubblici come regola tutti i documenti e utilizzando un linguaggio chiaro per comunicare a tutti i tipi di legislazione come in accordi internazionali e accordi commerciali. Abbiamo bisogno di rendere le istituzioni più trasparenti e responsabili, e dare ai cittadini un'influenza più diretta sulle politiche e la scelta della leadership politica, sia nelle urne che attraverso altri strumenti per il coinvolgimento dei cittadini.

 

2. La riforma della zona euro

Negli ultimi dieci anni, la nostra moneta unica ha dimostrato di essere stabile e resistente agli shock esterni, ma non è stata all'altezza nel rafforzare la nostra economia e il raggiungimento della convergenza tra le economie nazionali. L'euro non ha mantenuto la promessa. E 'giunto il momento di correggere alcuni dei difetti che lo contraddistinguono.Abbiamo bisogno di costruire intorno alla moneta comune un sistema che è in grado di assorbire shock economici nella zona euro e che ha bisogno di essere gestito da una nuova governance che deve essere integrata in strutture trasparenti e democratiche. Abbiamo anche bisogno di rivedere il modo in cui vengono monitorati i bilanci nazionali, e di introdurre un nuovo codice di convergenza che si concentri sulle riforme significative e garantisca il valore della moneta nella spesa dei servizi pubblici invece che sui numeri di bilancio.

 

3. Diritti e delle libertà

L'Unione europea è innanzitutto una comunità di valori. Abbiamo bisogno di fare dell'Unione europea il campione mondiale delle libertà civili, dei diritti fondamentali e dello stato di diritto. L'Unione europea deve garantire che i valori e i principi fondamentali, stabiliti nei trattati dell'UE, siano rispettati in tutta l'UE. Valori condivisi e la fiducia reciproca sono la chiave per le politiche comunitarie quali la cooperazione in tema di polizia e giustizia, l'asilo e le politiche dei rifugiati, l'agenda digitale, l'energia o la gestione comune delle frontiere esterne.

 

4. Opportunità senza frontiere

Allo stesso modo, l'Europa deve essere in grado di garantire le quattro libertà fondamentali attraverso una migliore protezione del mercato comune. Ciò richiede una strategia globale affrontando il dumping dei prodotti sul mercato UE per eliminare gli ostacoli alla libera circolazione dei cittadini. Il mercato unico deve diventare il fulcro per il talento, l'innovazione, le start-up e le piccole e medie imprese così come per le multinazionali. Allo stesso tempo, un mercato unico senza frontiere interne richiede chiaramente che le questioni di solidarietà e di coesione sociale debbano essere affrontate come una priorità!".

 

Versione originale in inglese.

 

Brussels, 4 January 2017

Alde and Movimento 5 Stelle

ALDE and the Movimento 5 Stelle (M5S) share the core values of freedom, equality and transparency. We both see the individual as the central building block of society, while promoting an open economy, solidarity and social cohesion as the preconditions for people to achieve their full potential. We both want to strengthen the influence of citizens on decisions that affect them, including through developing mechanisms for direct democracy and by motivating people to participate and engage in politics.

More importantly, we are both reformist forces that want to fundamentally change the way the European Union operates today. We strive for a fundamental overhaul, because the European Union of today is unable to deliver the results that citizens expect in terms of prosperity and protection, which fuels distrust and disillusionment instead of building up confidence and commitment.

Too many of our citizens see the European Union as part of the problem, as the indirect driver behind uncontrolled globalization that is perceived as benefitting only a few. While in fact it should be the opposite. We believe only the European Union has sufficient weight to exploit globalisation, as a force for good and to ensure that the benefits are shared by all. The European Union must be the democratic counterweight to globalized economic forces.

Therefore, we want to see reform in key areas.

1. The renewal of European democracy.

ALDE and M5S champion a more democratic and transparent Union. We both want a smaller, more effective European Commission, a reformed European Council and a more powerful European Parliament that is on equal footing with the Council. We both believe part of the Members of the European Parliament should be elected on a transnational basis as an important step towards a real European democracy.

We also want to end the ineffective ‘grand coalition’ that has monopolised power and paralysed Europe for too long. The way forward is enhancing the direct involvement of citizens in the democratic processes and increase transparency, by making all documents public as a rule and by using clear language to communicate in all kind of legislation as well as in international arrangements and trade agreements. We need to make the institutions more transparent and accountable, and give citizens more direct influence over policies and the choice of political leadership, both in the ballot station and through other tools for citizens’ involvement.

2. Reform of the Eurozone

During the past decade, our single currency has proven to be stable and resilient against external shocks, but it has fallen short in strengthening our economy and achieving convergence between the national economies. The euro has not delivered on its promise. It is high time to fix some of the underlying flaws.

We need to build around the common currency a system that is able to absorb economic shocks in the eurozone and that needs to be managed by a new governance that must be embedded in transparent and democratic structures. We also need to review the way in which national budgets are monitored, and introduce a new convergence code that is focussed on meaningful reforms and ensuring value for money delivery of public services, instead of one-sidedly on budget numbers.

3. Rights and freedoms

The European Union is first and foremost a community of values. We need to make European Union the global champion of civil liberties, fundamental rights and the rule of law. The European Union has to ensure the basic values and principles, laid down in the EU Treaties, are respected throughout the EU. Shared values and mutual trust are key for EU policies such as police and justice cooperation, asylum and refugee policies, the digital agenda, energy or the joint management of external borders.

4. Opportunities without borders

Equally, Europe should be able to secure the four fundamental freedoms by better protecting the common market. This requires a broad strategy that reaches from tackling dumping of products on the EU market to eliminating obstacles to free movement for ordinary citizens. The single market has to become the hub for talent, innovation, start-ups and small and medium sized enterprises as well as multinationals. At the same time a single market without internal borders clearly requires that questions of solidarity and social cohesion needs to be tackled as a priority!

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

6 Commenti


  • mark

    Scusate, sono limitato: mi spiega qualcuno 'la sgrammaticatura logica è violenta'  (55a, c.a, riga) ?

    Grazie

    ps: certo è un titanico casino: le lotte del Lavoro non hanno più alcuna copertura politica pur minima se va a finire così. Sappiamo benissimo della vicinanza dell'M5s con noi del sindacalismo di base.


    • Redazione Contropiano

      Diciamola in parole semplici: o sono i cittadini che sbagliano a “vedere” nella Ue uno strumento del capitale globalizzato, ecc, e quindi visognerebbe convincerli che così non è; oppure le cose reali stanno proprio in quel modo e allora è l’Unione Europea a dover essere autonomizzata e staccata dal potere esterno.

      Una autentica rivoluzione, nel secondo caso, con rovesciamento totale di tutti i trattati. Per ottenere questo risultato non bastano davvero le “riforme” (peraltro neppure indicate, se non altro come temi), e ancor meno l’uso ripetuto della sola parola.

      Nel primo caso, invece, è poco più di una presa in giro che prepara una nuova massiccia campagna di “informazione” sui benefici incompresi della Ue…


  • Daniele

    Io sono comunista troskista, non ho mai e poi mai cambiato casacca dal 1974 a oggi, avevo provato a dialogare con i grillini, poi ho capito cosa erano e CHI è Grillo, la marionetta dell'alta finanza e della massoneria; in altri termini il M5S è la mordacchia che si mette ai cani per impedire loro di mordere, ossia una camera di compensazione per impedire che il popolo si organizzi per fare una VERA rivoluzione, ergo il M5S è organico al potere, anzi ne fa parte integrante, quindi è il NEMICO.


  • Francesco Santoianni

    Un articolo da incorniciare


  • Francisco

    Sorprende come vengano "tollerate" critiche da premio GAC ai 5 stelle mentre vengono censurate analisi che mettono in luce la vera natura del m5s.

    Questa prassi va avanti ornai da tempo, nonostante ci si sbracci per la libera circolazione di idee e notizie, sono anni che da più parti si levano sacrosanti dubbi sul ruolo del m5s nel panorama politico italiano e non solo, poi i nodi vengono al pettine e nonostante tutto si ricomincia da capo.

    Saluti comunisti.

     


  • Antonio

    Francesco : Mi stai dicendo che se non c' era m5s scoppiava la rivoluzione ? mi sa proprio di no.

    Conosco sia un pò le realtà dei centri sociali che quelli degli attivisti m5s.

    gli attivisti m5s sono comunissimi cittadini tendenzialmente pacifici che non ce li vedo proprio nei panni degli antagonisti. Hanno semplicemente risposto all' appello di un comico nel cercare di partecipare attivamente alla cosa pubblica senza più delegare.

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *