Menu

Genova multa i poveri che cercano cibo nella spazzatura. E’ il nazismo politicamente corretto

La giunta di destra di Genova, applicando la legge Minniti sul decoro urbano, ha deciso di multare con 200 euro i poveri che cercano da mangiare. Poi l’assessore alla sicurezza, il leghista Garassino, ha aggiunto che queste misure saranno applicate “con umanità”. Buffone, fa il generoso su ciò che non potrà riscuotere mai. Il sindaco Bucci ha aggiunto che Genova è citta turistica e certe scene di miseria non si devono vedere. Per eliminare queste brutte visioni ed ogni vagabondaggio fastidioso la giunta ha anche deciso di riempire di sbarre di ferro i luoghi ove prima ci si poteva sedere. Mancano filo spinato e corrente elettrica, ma arriveranno.

Ora il PD, che ha votato quelle leggi Minniti che affrontano le questioni sociali come arredamento cittadino, esprime ipocrita scandalo per le decisioni della giunta genovese. Che ha ben ragione a rispondere: stiamo applicando le leggi del governo Gentiloni.

Il ministro Minniti non ha avuto l’apprezzamento dell’elettorato, ma ha ricevuto quello di tutto il palazzo di destra e sinistra. Anzi é stato ben giudicato anche da parte di chi quel palazzo lo contesta, come Di Battista.

Minniti ha stabilito per legge che i poveri, chi soffre e ancor di più lotta, sono una offesa al bell’aspetto delle nostre città; e pertanto vanno affrontati con misure di polizia, Daspo, multe. “Devono sparire”, urlava il funzionario di polizia che voleva spezzare le braccia ai rifugiati di Piazza Indipendenza a Roma. Non devono mangiare, rispondono a Genova.

È vero in fondo che oggi solo piccole minoranze fanatiche sono razziste sulla base del colore della pelle. È altrettanto vero però che tutto il potere alimenta l’odio razziale verso i poveri. Anche le irrisioni ai meridionali in presunta fila per il reddito di cittadinanza fanno parte di questo razzismo.

La lotta alla povertà non si fa e non si vuole fare, quella ai poveri invece viene viene organizzata con meticolosa precisione. E viene giustificata e banalizzata come problema di decoro e buon aspetto delle nostre città, dove si deve poter fare affari in santa pace, senza che di quegli affari si vedano gli effetti..I poveri devono sparire, comunque.

È la banalità del male, il nazismo politicamente corretto del terzo millennio

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

4 Commenti


  • Roberto

    È una vergogna che i politici non sentono la miseria delle persone che non possono difendersi ,ma che pensavo solo alla loro immagine che certo non gli fa onore😢😢😢😢😢


  • patrizio

    ma la situazione si risolve in un modo solo: uccidiamo i poveri, tanto come dice Briatore, non servono a niente,……….. ma poi chi li farà i lavori umili? Ragazzi, stiamo andando incontro ad un sistema feudale di merda, facciamo attenzione perché quando poi il popolo ha fame, e non ha le “brioche” una presa della Bastiglia dei nostri giorni è alle porte.


  • Mauritius

    la disumanità è pensare che i poveri creati a moltitudini dal capitalismo globalizzato possano suicidarsi e morire senza fiatare…..cosa devono fare i poveri ridotti così veramente dal sistema???
    Siamo alla disumanità totale di un sistema sociale ed economico che non da a tantissimi neanche da sopravvivere e sperano i grandi sostenitori del capitalismo che chi è out….muoia e non disturbi


  • virgilio

    un’altro provvedimento “intelligente”, a parte il grande senso di giustizia morale dimostrato, che non serve a nulla. Un povero che cerca tra i rifiuti non ha i soldi per mangiare e la multa la potrà pagare la prossima vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *