Menu

Bologna. Studenti rifiutano confronto con l’ANVUR

In questa settimana l’Alma Mater Studiorum ha ricevuto la visita degli ispettori ANVUR per il controllo periodico di accreditamento dell’ateneo, in sostanza una valutazione dell’adempimento ai loro parametri da cui dipendono – ad esempio – la chiusura o la modifica di interi corsi di laurea.

Oggi, fin dal mattino, un nutrito gruppo di studenti e studentesse si è radunato in Piazza Scaravilli, sotto la scuola di Economia, in presidio contro la presenza degli ispettori al suo interno, durante il presidio si sono alternati diversi interventi delle realtà promotrici che hanno sottolineato il carattere competitivo e classista delle direttive ANVUR.

Nel pomeriggio gli emissari dell’ANVUR hanno preso parte alla commissione paritetica della quale fanno parte anche i rappresentati degli studenti della scuola di Economia, i quali, coerentemente con quanto espresso durante il presidio, hanno letto un comunicato nel quale scandivano che non era loro interesse prendere parte al teatrino del confronto in ambiti vuoti di reali poteri di cambiamento verso i reali interessi della comunità studentesca.

Pubblicato da Rethink – Collettivo di Economia su Giovedì 30 novembre 2017

Sempre all’università di Bologna domani, in chiusura della visita dell’ANVUR all’Unibo, si terrà la prima assemblea nazionale in cui si incontreranno realtà e collettivi di diverse città d’Italia che animeranno un confronto sul tema “Dove stanno andando i nostri atenei?”, riflessioni e studio per rilanciare la lotta all’interno del mondo universitario.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *