Menu

La Sicilia inghiottita dalle fiamme e dalla pioggia

323 visualizzazioni

Barbagallo (USB): ” Noi Vvf in balia di noi stessi! “

Da settimane la Sicilia è inghiottita dalle fiamme, che stanno devastando terreni di qualsiasi tipologia, mettendo in pericolo abitazioni e vite umane. In pericolo, in modo particolare, i lavoratori dei vari comandi dei Vigili del fuoco, i quali – come ampiamente denunciato da tempo dal catanese Carmelo Barbagallo, del coordinamento USB Vvf – sono costretti ad operare in condizioni assurde.

“Il presidente della regione Crocetta – dichiara Barbagallo – recentemente, a Catania, ha parlato di droni e di elicotteri da poter utilizzare in funzione antincendio. Capisco che a novembre, in Sicilia, si svolgeranno le elezioni regionali, e anche il presidente Crocetta è in campagna elettorale. Ma Crocetta conosce le esigenze del territorio? Sa in quali condizioni operiamo noi vigili del fuoco a Catania? In Sicilia? Sa che utilizziamo il fil di ferro per trattenere i tubi dell’acqua nelle manichette antincendio? Sa, che spesso, non possiamo utilizzare le autoscale perché sono guaste? Sa, che non abbiamo i teloni-caduta a norma? Sa che il Servizio Sommozzatori di notte non funziona? Sa, che noi vigili del fuoco, quelli premiati da Renzi e company con le medaglie di latta, non siamo coperti dall’INAIL? Sa in quali condizione è l’edificio sede del comando provinciale dei Vvf? Sa? Evidentemente, non sa! Lascio in beneficio del dubbio. Comunque, parla di droni ed elicotteri, sulla pelle di noi lavoratori e sulla pelle dei cittadini. Le campagne elettorali passano, le tragedie restano”.

“Ieri,domenica – continua il battagliero sindacalista dell’USB di Catania – nella provincia etnea si è abbattuto un fortissimo temporale, con bombe d’acqua ampiamente annunciate. Ebbene, dov’era la macchina della Protezione civile? Dov’era il presidente Crocetta? A provare i suoi droni a Niscemi, nella base americana del Muos? Dov’erano i sindaci dei comuni interessati? Io posso dire dove eravamo noi pompieri. Con i cittadini, immersi dalle acque piovane. Fra Giarre e Riposto, sono dovuti intervenire i Sommozzatori dei Vvf per tirare fuori le persone rimaste intrappolate dentro le auto travolte dalle acque piovane! Succede questo. Da anni! Quindi, è vergognosamente assurdo parlare di emergenza meteo. Questi sono crimini, contro la cittadinanza e contro noi lavoratori vigili del fuoco costretti ad operare in condizioni assurde”.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *