Menu

E’ morto “Gabo”. Cent’anni di gratitudine

E’ morto a 87 anni lo scrittore Gabriel Garcia Marquez, “Gabo”. Colombiano ma cittadino del mondo e ciudadano della Nuestra America. Premio Nobel per la Letteratura. Autore di un libro “Cento anni di solitudine” diventato una visione della vita reale anche se ambientato nella fantastica Macondo di Aureliano Buendia. Tra le sue opere “L’amore al tempo del colera”, “L’autunno del patriarca”, “Cronaca di una morte annunciata”, “Nessuno scrive al colonnello”, “Il generale nel suo labirinto” fino al particolare “Avventure di Miguel Littin clandestino in Cile”. Nato ad Aracataca in Colombia nel 1927, Gabo è stato per molti anni giornalista, collaboratore dell’agenzia di stampa cubana Prensa Latina, amico del Che e amico critico della Rivoluzione Cubana. Costretto a fuggire dalla Colombia per le minacce di morte, ha vissuto a Cuba, in Venezuela, negli Stati Uniti e in Messico. Com Gabo muore un riferimento della letteratura mondiale in chiave latinoamericana. Chi ha letto i suoi libri ne avrà nostalgia, chi non lo ha fatto ne sia curioso e ne diventi lettore.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.