Menu

Migliaia di soldati Usa in Israele e Giordania. Obiettivo Siria?

Tensione alle stelle in Medio Oriente. In occasione delle prime esercitazioni militari congiunte con Israele (nome in codice Juniper Cobra) e Giordania (Eager Lion), gli Stati Uniti avrebbero trasportato più di 6.000 marines in Giordania ed altri settemila soldati in Israele, secondo le indiscrezioni riportato da DEBKAfile, sito di informazione militare israeliano ritenuto vicino ai servizi di intelligence di Tel Aviv.

Le esercitazioni in Giordania inizieranno domenica e dureranno fino all’8 giugno; quelle in Israele cominceranno questa settimana, con la partecipazione di 6.000 soldati dello Us European Command e mille aviatori che si occuperanno dei sistemi missilistici difensivi. E’ la prima volta che gli Stati Uniti uniscono due larghe esercitazioni militari, che saranno coordinate dai centri di comando statunitensi.

Alle esercitazioni Stati Uniti e Israele accompagnano una serie di dichiarazioni allarmistiche a proposito del conflitto siriano, dove ormai è chiara la prevalenza delle forze governative sui ribelli sempre più divisi e delegittimati dalla popolazione. Proprio nelle scorse ore il governo statunitense e il suo apparato mediatico hanno diffuso in maniera allarmistica la notizia che le milizie di Hezbollah si starebbero dirigendo verso il sud della Siria per sostenere le forze regolari siriane contro le milizie islamiste, che da più di una settimana combattono per il controllo della città di Quneitra, sul Golan siriano, proprio vicino al confine con Israele e Giordania, i paesi che ospitano le esercitazioni militari congiunte con i soldati di Washington. Negli ultimi giorni, i due Paesi amici degli Stati Uniti hanno rafforzato la loro presenza militare lungo i confini e non è da escludere, secondo DEBKAfile, che le esercitazioni si trasformino in operazioni di combattimento.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • alexfaro

    Tutto può essere,ma io credo che gli USA ed anche Israele,NON siano poi così pazzi ed insensati da attaccare la Siria senza lo straccio di una approvazione formale dell’ONU,proprio in questo momento,con la crisi Ucraina,in atto.
    Se mai dovessero farlo,credo che immediatamente l’Iran,come anche la Russia,interverebbero subito ed anche pesantemente,risultato?
    Una sanguinosa guerra regionale,che potrebbe
    se le cose prendessero una brutta piega x un qualche contendente,dicevo trasformarsi(hai noi!)in conflitto nucleare globale con le conseguenze del caso.
    un saluto
    Alexfaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.