Menu

La nazionalizzazione dei servizi pubblici farebbe risparmiare, e molto

Uno studio ha scoperto che la proprietà pubblica di ferrovie, acqua, energia, autobus, Royal Mail, banda larga e il servizio sanitario nazionale farebbe risparmiare al Regno Unito quasi 13 miliardi di sterline ogni anno.  E il denaro risparmiato potrebbe essere investito nel miglioramento dei servizi pubblici, nella creazione di posti di lavoro, nella promozione delle economie locali e nella realizzazione di politiche ecologiche, secondo il gruppo anti-privatizzazione We Own It.

La ricerca basata su studi della Greenwich University nel sud-est di Londra, il Transport for Quality of Life e il Center for Health and the Public Interest, ha aiutato il gruppo We Own It a sostenere pubblicamente la convenienza dei risparmi per stabilire un “upgrade dei servizi pubblici”.

La ricerca ha individuato i seguenti risparmi:

  • La proprietà pubblica delle ferrovie risparmierà 1 miliardo di sterline all’anno, abbastanza per pagare 100 miglia di nuova ferrovia all’anno.
  • La nazionalizzazione delle imprese idriche farà risparmiare 2,5 miliardi di sterline all’anno, abbastanza per ridurre i livelli di perdite di un terzo in un anno.
  • La proprietà pubblica delle reti energetiche consentirebbe di risparmiare 3,7 miliardi di sterline all’anno, il che potrebbe pagare 222 nuove turbine eoliche offshore all’anno.
  • La proprietà pubblica degli autobus farà risparmiare 506 milioni di sterline all’anno, il che potrebbe pagare 1.356 nuovi autobus elettrici.
  • La proprietà pubblica della Royal Mail farà risparmiare £ 171 milioni all’anno, abbastanza per aprire 342 nuovi uffici postali Crown con banche postali nelle città di tutto il paese.
  • La banda larga di proprietà pubblica farà risparmiare £ 500 milioni all’anno. Questo è sufficiente per pagare la banda larga in fibra piena per sei milioni di famiglie.
  • La fine del mercato interno nel SSN consentirebbe di risparmiare almeno 4,5 miliardi di sterline. Questo potrebbe pagare per 72.000 infermieri e 20.000 medici.

I risparmi sono calcolati confrontando il costo attuale dei dividendi e degli interessi pagati dalle società private con il costo del rifinanziamento dell’attuale capitale e debito con il debito generato dall’emissione di titoli di Stato.

Il professor David Hall, direttore dell’unità di ricerca internazionale dei servizi pubblici (PSIR) presso la Greenwich University, ha dichiarato: “Sulla base di un’intensa ricerca empirica, questo documento mostra che la proprietà pubblica dei servizi pubblici comporterebbe risparmi annuali di poco meno di £ 8 miliardi – quindi la nazionalizzazione si ripagherebbe  in meno di sette anni. La nazionalizzazione costerebbe meno di £ 50 miliardi se gli azionisti venissero compensati per l’importo che hanno effettivamente investito, piuttosto che costare al paese quasi £ 200 miliardi, come sostenuto dal CBI il mese scorso. La legge del Regno Unito non richiede che vengano pagati il ‘valore di mercato‘  e spetta al Parlamento decidere, caso per caso, l’importo adeguato del risarcimento.”

Cat Hobbs, direttore di We Own It, ha aggiunto: “L’austerità e la privatizzazione sono fallite: è il momento di aggiornare i nostri servizi pubblici per il 21 ° secolo. Questa ricerca mostra esattamente ciò che è in gioco in queste elezioni – cosa può offrire la proprietà pubblica per la nostra economia e il pianeta. Sprecare denaro pubblico per gli azionisti è uno scandalo. Concludendo, possiamo liberare investimenti per offrire un affare migliore per le nostre comunità e il clima. La proprietà pubblica può pagare per la nuova infrastruttura verde di cui abbiamo bisogno, come l’aggiornamento delle nostre tubature dell’acqua, l’investimento in nuova energia eolica e l’installazione della banda larga a fibra piena in tutto il paese. E può aiutare a fornire alle comunità ciò di cui hanno bisogno: servizi vitali come nuovi autobus, uffici postali e naturalmente medici e infermieri per il nostro Servizio Sanitario Nazionale.”. 

 

*  da The Mirror del 24/11/2019 – Traduzione di Sergio Scorza

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.