Menu

Grecia. Polizia fuori controllo contro le manifestazioni

“Andiamo a ucciderli”, ha gridato la polizia

Lo stato d’animo selvaggio della polizia durante l’ultima notte degli attacchi omicidi e dei ripetuti attacchi è catturato da un altro video-documentario sugli eventi disgustosi di ieri.

Sono state arrestate in totale 16 persone, che sono attualmente portate in procura con un’accusa contro di loro, mentre altre 11 persone sono state fermate e poi rilasciate.

Dopo i violenti incidenti, seguiti alla maestosa marcia contro la violenza della polizia a Nea Smyrni, durante la quale un poliziotto è rimasto gravemente ferito, i suoi colleghi hanno risposto nuovamente con la repressione, anche con bombe stordenti, anche contro i propri colleghi e giornalisti. Nel nuovo materiale audiovisivo si sentono i membri di un distaccamento del gruppo DRASI gridare e gridare “Trasmetti che manca un collega” e “Attacchiamoli. Sono finiti. Uccidiamoli. “

Numerosi video inquietanti circolano su Internet da ieri, come quelli seguenti che mostrano la polizia che attacca i civili.

Nella prima sembra che una motocicletta cada su un giovane, nella seconda si sentono i residenti chiedere ai “barboni” e alle “bestie” di lasciare un altro bambino, nella terza la persona è immobilizzata e riceve manganellate spietatamente.

Non ci sono informazioni ufficiali sui manifestanti feriti e sulle loro condizioni. È stato riferito che almeno venti persone hanno ricevuto forti colpi alla testa e al corpo.

Gada ha parlato ieri di cinque agenti di polizia feriti, mentre le squadre di picchiatori professionisti di Michalis Chrysochoidis diffondono il panico nel quartiere e nelle zone limitrofe, inseguendo e picchiando indiscriminatamente.

Oggi la EL.AS ha annunciato che dieci agenti di polizia sono rimasti feriti, 3 dei quali rimangono in ospedale per cure, aggiungendo che dieci auto sono state danneggiate. Nel frattempo, il video seguente solleva interrogativi ai cittadini che si chiedono sui social media se quello che il poliziotto ha in mano (dopo 1,37 ‘) sia un’arma da fuoco.

Da parte sua, il primo ministro si è affrettato a chiedere “moderazione e compostezza”, ma non è riuscito a trovare una parola sugli eventi senza precedenti accaduti a Nea Smyrni 24 ore fa. In un messaggio videoregistrato, Kyriakos Mitsotakis ha lasciato chiari ponti all’opposizione, cercando di apparire unitario affermando che “non permetterò a nessuno di dividerci,” ma indirettamente e chiaramente addossa di nuovo la responsabilità sui giovani.

L’opposizione ufficiale ha risposto con toni forti alla dichiarazione di divisione del Primo Ministro, accusandolo di investire nella strategia della tensione dopo aver fallito in tutto.

Il Paese ha bisogno del rispetto della democrazia e dei diritti sociali per superare le difficoltà. Condizioni che non sono in linea con la strategia del signor Mitsotakis”, ha osservato SYRIZA-Progressive Alliance.

MERA25 ha sottolineato che la “sfortunata” ispirazione del signor Mitsotakis “per ricordare che nella notte delle elezioni aveva promesso di garantire l’unità, la sicurezza e la prosperità di tutti i greci, ma ha fallito in tutti e tre“.

Sei il primo ministro di un pessimo governo parassitario che sceglie di dividere i cittadini lanciando una democrazia poliziesca simile all’oro e poi osi fare un sermone contro la discordia.”

da Efimerida

*****

Qui di seguito la presa di posizione del movimento anticapitalista Antarsya.

Il governo gonfia la rabbia – Un Movimento di massa per rovesciarlo

ANTARSYA appoggia le migliaia di manifestanti, lavoratori, giovani uomini e donne di Nea Smyrni e dei quartieri circostanti che hanno dato una risposta clamorosa al bullismo e alla violenza disumana che il governo Mitsotakis ha perpetrato in tutto questo tempo contro i manifestanti e ogni opposizione, indiscriminatamente, e contro i comuni cittadini,

L’incidente senza precedenti della violenza della polizia a Nea Smyrni e poi la sua piena copertura politica da parte di Chrysochoidis Mitsotakis, senza dimenticare il ruffiano Kyranakis, che invidiava la gloria di Bogdanos e gli disse di seguirlo nell’hafi.

Che i media cerchino per ore di presentare come “vittima” le barbariche forze repressive, mostrandoci per un po ‘il poliziotto ferito e caricando ai manifestanti la… inutile ambulanza.

Purtroppo da mesi non c’è la stessa sensibilità per le centinaia di manifestanti feriti e arrestati dalle forze repressive del governo di ND.

Il governo, secondo la sua normale tattica, ha attaccato con le bombe stordenti e i lacrimogeni chimici per disperdere  una marcia di migliaia di persone. Ora, sta cercando di nascondere le proprie responsabilità per la rabbia crescente che si va sviluppando nel mondo e soprattutto nei giovani; si finge vittima per compensare il barbaro terrorismo dei suoi pretoriani.

Ma chi semina i venti raccoglie le tempeste. Per mesi, il governo ha cercato di imporre la sua politica fallimentare con la violenza della repressione e la violenza dei dei gestori dei media militarizzati e ben nutriti.

La sua politica sanitaria criminale, che sta già provocando una spaventosa nuova ondata di pandemia che si concentra sui luoghi di lavoro, la miseria finanziaria, lo smantellamento dell’istruzione pubblica, l’assurdo blocco anche della mobilità.

Con la repressione costante, fa accumulare costantemente la rabbia, che ora inizia a manifestarsi in modo assordante.

Mitsotakis chiede “moderazione e compostezza” nel momento in cui sta bombardando il popolo greco con continue leggi antipopolari, dissolvendo la sanità pubblica e l’istruzione, abolendo il lavoro e i diritti democratici fondamentali.

Il suo discorso ha cercato il consenso e l’abbassamento dei toni da parte dell’opposizione parlamentare. Sta a noi non lasciar passare queste pressioni.

Di fronte alle crescenti difficoltà per i lavoratori e il popolo, l’ANTARSYA invita tutte le forze del movimento operaio e popolare e le forze combattive della sinistra a intensificare la lotta di massa e organizzata per il pane, l’istruzione, la salute, la libertà.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.