Menu

Il gioco d’azzardo della CIA in Ucraina

Con i timori di un conflitto tra Russia e Ucraina, non c’è fine alle speculazioni su come la situazione di stallo potrebbe trasformarsi in combattimenti a tutto campo. Alcune delle teorie e dei presunti piani vengono forniti con prove, altri no, ma a modo loro sono tutti intriganti.

Non sorprende, ma è comunque rivelatrice, la notizia secondo cui la CIA ha addestrato forze speciali in Ucraina per difendere il Paese da una possibile invasione. Con ogni probabilità, lo schema avrebbe incluso combattenti di estrema destra.

Attraverso fughe di notizie e dichiarazioni tempestive da parte di “persone familiari” anonime e ufficiali statunitensi opportunamente in pensione, questi tirocinanti vengono ora presentati come la potenziale spina dorsale di una forza di resistenza in stile guerrigliero (1).

Lo scopo di pubblicizzare questo fatto ora è chiaro: dissuadere la Russia dal lanciare quell’attacco su larga scala all’Ucraina che Washington sostiene stia arrivando, Mosca nega la pianificazione ma non la esclude nemmeno, e Kiev non può davvero prendere una decisione su: se tu, Russia, occupi parti sostanziali del territorio ucraino, così recita il messaggio americano, lo trasformeremo in un sanguinoso pantano per te.

In sostanza, ciò che il defunto consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Zbigniew Brzezinski è sempre stato orgoglioso di aver fatto in Afghanistan durante l’intervento sovietico negli anni ’80.

Il programma di formazione è stato avviato sotto Obama ed esteso sotto Trump (un altro chiodo nella bara delle affermazioni di essere un agente russo) e poi con Biden.

E’ un mondo crepuscolare di terminologia ambigua e di negazione poco plausibile. In qualche modo è tutto molto difensivo, presumibilmente, ma poi di nuovo, in realtà non lo è, ovviamente, e nessuno dovrebbe effettivamente comprare la storia di copertina perché in tal caso avrebbe poco valore di deterrenza.

Le “abilità tattiche” insegnate in tali programmi sono, ovviamente, utili tanto per l’attacco e il sabotaggio quanto per la “semplice” raccolta di informazioni e la difesa.

Non importa se ci sono “buone possibilità che la CIA stia addestrando veri e propri nazisti”, come ha scritto Jacobin, in modo del tutto realistico.

Se hai qualche idea sulla virulenza e sul modus operandi dell’estrema destra ucraina, allora sai che questa è esattamente l’opportunità che i suoi quadri bramano. E se hai ancora un po’ di realismo su ciò che fa la CIA, allora sai che non le dispiace addestrare i fanatici.

Non l’hanno mai fatto, dall’America Latina, passando per l’Afghanistan, fino alla Siria e all’Ucraina. Anzi, semmai l’Agenzia ha un enorme pregiudizio favorevole per loro.

Inoltre, abbiamo già avuto informazioni affidabili su questo fenomeno. In effetti, è ancora più grande. Lo scorso settembre, un rapporto dettagliato e ben studiato per il Programma di Studi sull’Illiberalismo dell’Istituto di Studi Europei, Russi ed Eurasiatici della George Washington University ha scoperto che i membri delle organizzazioni ucraine di estrema destra come Centuria e il Battaglione Azov si infiltrano sistematicamente nell’esercito del paese e ricevono un sacco di formazione dai paesi occidentali, anche presso istituzioni d’élite come la britannica Sandhurst e la tedesca Offizierschule des Heeres.

In altre parole, l’estrema destra ucraina usa deliberatamente la leva che ottiene dall’addestramento, dalle connessioni e dall’approvazione de facto dell’Occidente o, almeno, dalla tolleranza benevola per aumentare la sua già sostanziale influenza nella politica e nelle forze armate del paese. Nel frattempo, gli estremisti di destra americani hanno mostrato un interesse sempre maggiore per l’Ucraina.

Il potenziale risultato è prevedibile: se una strategia miope per fare dei combattenti nazionalisti e di estrema destra la punta di diamante della resistenza sistematica e della guerriglia dovesse mai essere implementata, gli effetti a lungo termine sarebbero devastanti e potrebbero includere un brutto contraccolpo nella società stessa negli Stati Uniti.

Nessuna di queste informazioni, vale la pena sottolineare, proviene dai media russi. Tutto viene dall’Occidente. Niente di tutto questo è iperbole, “guerra dell’informazione” o qualsiasi etichetta pigra comunemente usata per respingere notizie scomode sull’Occidente e sull’Ucraina. Se vuoi ignorare questi rischi, vai avanti.

Ma in tal caso, tieni solo i tuoi pregiudizi e la tua ignoranza da neo-Guerra Fredda, per favore. E non sorprenderti quando le cose vanno terribilmente male, ancora una volta, su un campo di battaglia per procura del conflitto tra Russia e Occidente.

In questo contesto, anche un recente articolo sul British Times inizia ad avere un senso. Nonostante un rapido cenno alle note violazioni dei diritti umani commesse dalle formazioni ucraine di estrema destra, il suo punto principale è che i loro combattenti hanno il loro ruolo nazionale da svolgere quando si tratta di difendere il paese dai separatisti o dalla Russia. E, in effetti, con il presidente dell’Ucraina che conferisce loro i più alti onori militari, come osiamo dubitare?

Aspettatevi di più in futuro: i nostri media ora non solo ignoreranno o sminuiranno la realtà dell’estrema destra ucraina – come sempre respingendo qualsiasi discussione su di essa come “disinformazione russa” – ma ci faranno imparare ad amarla fintanto che è la “nostra” estrema destra, che combatte dalla “nostra” parte nella “nuova Guerra Fredda” o calda, a seconda dei casi.

Niente di tutto ciò è sorprendente. In effetti, per usare un cliché comunemente applicato alla Russia, tutto questo deriva dal classico playbook della Guerra Fredda dell’Occidente, in particolare degli Stati Uniti: una logica spietata del “nemico del mio nemico è mio amico” e un’altrettanto spietata prontezza a “distruggere il villaggio per salvarlo”.

Perché, ovviamente, supportare un esercito regolare, in Ucraina o altrove, è una cosa. Sostenere un’insurrezione in stile guerrigliero è molto diversa: avrebbe necessariamente conseguenze crudeli per i civili ucraini.

La Russia qualificherebbe gli attacchi in stile partigiano come terrore – come ogni Stato, inclusi ovviamente gli Stati Uniti e, ad esempio, Israele fanno regolarmente – e risponderebbe in modo massiccio. Potete essere certi che ci sono cinici in Occidente che accoglierebbero con favore i rapporti risultanti di “atrocità russe” come munizioni per la guerra dell’informazione. Un’immagine troppo realistica per te? Troppo brutto? Non sparare al messaggero.

Organizzare la resistenza partigiana avrebbe anche la capacità di dividere l’Ucraina. Perché, qualunque cosa ti sia stato detto, ci sono davvero importanti differenze regionali nel paese. Mentre molti ucraini possono generalmente sostenere la resistenza a un’invasione, l’appello a impegnarsi in una guerra partigiana contro un’occupazione potrebbe dividerli molto di più.

Poi? Una guerriglia condotta dagli ucraini occidentali nell’Ucraina orientale occupata, con la popolazione locale intrappolata tra truppe di occupazione infuriate e partigiani nazionali che chiedono fedeltà sotto la minaccia delle armi?

Se pensi che sia uno scenario strano, allora non hai idea di come operano le insurrezioni in generale. Devi esserti perso che anche nell’Ucraina occidentale gli insorti antisovietici del secondo dopoguerra hanno ucciso almeno tanti compagni ucraini quanti sono i sovietici. Indovina perchè.

In sintesi, speculare apertamente o invocare la guerriglia non è un segno di sostegno. Non essere ingenuo: è un segno che Washington sarebbe pronta a trasformare l’Ucraina in un inferno sulla Terra se solo potesse mettere in imbarazzo la Russia. Se ti piace vedere gli ucraini ridotti a pedine freddamente sacrificate per questo tipo di geopolitica, sii onesto e non venderlo come atto di amicizia.

(1) Lo schema richiama quello dello “Stay Behind” utilizzato anche in Italia durante la Guerra Fredda e che ha costituito la “zona grigia” dove sono maturate le Stragi di Stato, ndr;

*Tarik Cyril Amar , è uno storico tedesco dell’Università Koç di Istanbul che lavora su Russia, Ucraina ed Europa orientale, la storia della seconda guerra mondiale, la guerra fredda culturale e la politica della memoria.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.