Menu

“Haking Justice”. Un film sulla vicenda di Julian Assange

Hacking Justice, è un film che ricostruisce la vicenda di Julian Assange destinato a finire seppellito vivo nelle carceri statunitensi per aver denunciato e smascherato i crimini di guerra degli Usa e dei loro alleati. Qui di seguito un’intervista ai due registi del film, Clara Lopez Rubio e Juan Pancorbo, pubblicata sul sito di giornalismo investigativo Investig’action coordinato da Michel Collon.

Tra la fuga di Assange dall’ambasciata dell’Ecuador nel 2012 e il suo arresto per l’estradizione negli Stati Uniti, i registi hanno avuto a che fare con il fondatore di Wikileaks chiuso nell’ambasciata e hanno seguito il suo avvocato Baltasar Garzon in tutto il mondo. Con le sfumature di un thriller senza respiro, vediamo la difesa di Assange battersi nel tentativo di contrastare una delle più grandi ingiustizie del nostro tempo. Una storia con profonde implicazioni politiche per la libertà d’informazione. Una storia che risuona particolarmente in un momento in cui la magistratura britannica ha appena autorizzato formalmente l’estradizione di Assange negli Stati Uniti. (IGA)

Come è iniziato questo progetto? Come ha avuto accesso ai protagonisti?

Clara López Rubio: Avevamo contattato il giudice Garzón per fare un film sulla sua carriera. Era l’estate del 2012 e siamo andati a trovarlo nella sua città natale, Torres, in Andalusia. Era appena stato radiato dall’albo e stava per convertirsi in avvocato. Fu allora che ricevette una chiamata da Julian Assange e accettò di coordinare la sua difesa pro bono. Improvvisamente c’era un’altra figura affascinante e controversa, e un caso di attualità di grande interesse internazionale.

Come siete riusciti a far proseguire la storia, con il suo esito incerto?

Juan Pancorbo: Inizialmente, il film mostra il lavoro di Baltasar Garzón come capo del team legale internazionale che difende l’editore di WikiLeaks. In termini visivi, l’abbiamo presentato così: un uomo chiuso in una stanza e un altro che viaggia per il mondo in missione per tirarlo fuori. Ma le grandi domande sono sullo sfondo, perché la posta in gioco va ben oltre il destino di un individuo. Stiamo parlando del futuro di internet, della trasparenza dei governi e delle imprese, della necessità di proteggere gli informatori, dell’asilo diplomatico così profondamente radicato nei paesi latinoamericani… Guardando indietro negli anni, la persecuzione di Julian Assange è la prova inequivocabile che la libertà d’informazione e di stampa è minacciata nelle democrazie occidentali.

 

Quali sono state le sfide più grandi durante questi nove anni?

Clara López Rubio: In questi tempi di pandemia, tutti possono ora immaginare le difficoltà di gestire un progetto in costante incertezza. Dovevi andarci senza sapere se potevi girare e questo significava spendere soldi per biglietti aerei, hotel, noleggio di attrezzature e trasporti. I protagonisti non sono riusciti a tenerci aggiornati sulle loro agende e sui loro viaggi, per ragioni che sono facili da capire. Abbiamo dovuto fare del vero lavoro investigativo e correre dei rischi per girare, con un certo ottimismo. (…)

Oggi la situazione è cambiata, più persone hanno capito l’ingiustizia che gli è stata fatta e cosa significa per le nostre democrazie; alcune voci si alzano in politica, persino nel Parlamento europeo… Ma qualche anno fa, quasi nessuno si preoccupava della sorte di Assange, era diventato una “peste”. Ecco perché siamo rimasti colpiti dal coraggio delle persone che abbiamo filmato. Un coraggio che è veramente “contagioso” [come dice spesso Assange] e che ci ha aiutato a superare molti momenti di disperazione per completare il film.

 

Nonostante questo, perché c’è ancora così poco sostegno per Julian Assange nel 2021?

Juan Pancorbo: È soprattutto il risultato delle successive campagne diffamatorie contro di lui. È stato chiamato “sangue sulle sue mani” per aver pubblicato informazioni non filtrate, ma i procuratori americani non hanno presentato alcuna prova di questa accusa alle udienze di estradizione. Poi sono arrivate le accuse di stupro in Svezia, che hanno rovinato la sua reputazione. Chi può difendere uno stupratore? Ma si scopre che il caso non è mai andato oltre una “indagine preliminare” in Svezia, che la procura svedese non ha mai sporto denuncia e che il caso è stato chiuso diverse volte fino a quando è stato finalmente chiuso nel 2019.

 

Come è cambiato Julian Assange tra quel primo incontro e l’ultima volta che lo ha visto?

Juan Pancorbo: La trasformazione dei personaggi nel tempo può essere riflessa solo in progetti lunghi come questo. Julian Assange è stato sottoposto a una punizione esemplare per un decennio. Il metodo utilizzato è classico: consiste nell'”uccidere il messaggero” e dissuadere coloro che potrebbero essere tentati di seguire le sue orme. E il peso di questa punizione si riflette nell’aspetto fisico di Julian durante tutto il film. Finché è stato in grado di rimanere attivo e lavorare, non ha mai mostrato segni di debolezza, il suo aspetto fisico riflette la reclusione prolungata in uno spazio molto ristretto, senza aria fresca, ecc.

 

Dove è stato visto il film?

Clara López Rubio: Dalla sua prima uscita, il film è già stato presentato in molti festival in tutto il mondo: in Messico, California, Bruxelles, Austria, Argentina, Cile, Venezuela, Ecuador, Spagna… Abbiamo vinto alcuni premi in Sud America. Una piattaforma indipendente in Australia lo sta mettendo online ora. La nostra piccola frustrazione è che il film non è ancora stato proiettato nel Regno Unito e negli Stati Uniti (ad eccezione della California). Abbiamo fatto domanda a molti festival lì, ma abbiamo ricevuto solo risposte negative… E naturalmente, è stato mostrato dalle stazioni televisive europee che hanno partecipato alla produzione: Canal Sur (Spagna), WDR (Germania), RTS (Svizzera), VRT (Belgio). E anche sulla RAI (Italia), RT (Russia), 3sat (Germania) e si può vedere online nella mediateca della principale emittente tedesca ARD.

Da Investigation.net

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.