Menu

Mediaset diventa un gruppo europeo. Ecco dove nasce il “pragmatismo” di Berlusconi

Erano in molti a domandarsi che fine avesse fatto il Berlusconi che faceva il cucù alla Merkel e concionava contro gli altri leader europei. Al contrario, negli ultimi anni, e soprattutto nei quinidici mesi del governo M5S/Lega, Berlusconi ha svelato uno spirito “europeista” che non gli era consono. L’adesione di Forza Italia al Partito Popolare Europeo, che gli assicurò la nomina di Tajani a presidente del parlamento di Strasburgo, ha visto via via attenuare ogni critica ai rigidi vincoli politici ed economici che, in passato, lo vedevano tuonare contro chi gli impediva di agire per aumentare il “benessere” del paese.

Difficile immaginare una fulminazione sulla via di Damasco. Laggiù fischiano pallottole vere e non pare luogo idoneo per riconversioni. Semmai la fulminazione è avvenuta leggendo i bilanci della sua azienda di famiglia – Mediaset – e di come per aumentare capitale, fatturato e profitti occorresse integrarla nel contesto delle aziende europee. Insomma l’orizzonte della Brianza non era più adatto alle esigenze del business.

La dimostrazione è venuta ieri dall’assemblea degli azionisti di dove è passata in assemblea sia in Italia che in Spagna il maxi riassetto di Mediaset per creare una holding di diritto olandese: la Mfe. Senza grandi colpi di scena, a Cologno Monzese si è espresso favore il 78% del capitale azionario presente, contro il 21%, in gran parte rappresentato dalla quota di azioni di Vivendi, la multinazionale francese per la prima volta ammessa a votare sulle scelte di Mediaset. Ma con qualche scortesia che ha creato tensioni tra i “partner”.

Il Consiglio di Amministrazione di Mediaset, non consente infatti al 19,1% Simon Fiduciaria di partecipare al voto, ed ha invece spianato la strada a Fininvest, che con il 62,5% del capitale presente, ha avuto gioco facile nel far passare la delibera, pesando per il 73% degli azionisti presenti, oltre i due terzi degli aventi diritto.

Il voto ha dato così il via alla fusione tra Mediaset e Mediaset Espana che culminerà nel progetto di un gruppo radiotelevisivo paneuropeo per assumere una posizione di leadership nei mercati di riferimento e fare nuove alleanze.

Se Mediaset avesse permesso a Simon Fiduciaria di votare, la fusione transfrontaliera non sarebbe stata approvata. Vivendi si era rivolta al tribunale contestando l’esclusione della sua longa manu dentro Mediaset ed ha dichiarato che “L’assemblea è illegale”, annunciando ricorsi “in tutte le giurisdizioni e i paesi per contestare la proposta, sia in base alle leggi nazionali che europee”. Ma il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri ha ribattuto che “L’assemblea è perfettamente legale e allineata alle disposizioni del Tribunale”, affermando che le mire di Vivendi erano proprio quelle di dare vita – in proprio – alla holding Mfe. Per questo, sostiene Confalonieri, Vivendi si è opposta con tanta veemenza alla fusione, sottolineando che nel farlo si è venuta a trovare in una tipica situazione di conflitto di interessi (do you remenber? Ndr), cioè “quella del socio che giudica una proposta non in base all’interesse sociale ma al proprio diverso interesse personale”.

Da parte loro, i rappresentanti della Vivendi nell’assemblea degli azionisti Mediaset hanno denunciato la fusione sostenendo che “avrà come effetto quello di annichilire le partecipazioni di minoranza” e che il suo obiettivo “è essenzialmente quello di consentire a Fininvest di determinare i consiglieri per l’Europa intera e controllare tutte le delibere”.

Problemi interni agli equilibri tra gli azionisti di una azienda che, al di là delle antiche pruderie del suo padrone, ha compreso che il processo di concentrazione capitalistico in Europa è il terreno sul quale si farà e si vedrà la differenza con il passato. L’europeismo degli azionisti è più solido di quello degli allocchi.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.